mercoledì, Luglio 24, 2024
HomeManifestazioniAvvenimentiSi prepara la Fiera di Lonato sull'onda del successo del 2009
Sono già iniziati i preparativi per la tradizionale Fiera regionale di Sant’Antonio Abate di Lonato. Il successo dell’edizione 2009, premiato dall’entusiasmo del pubblico e dei tanti espositori, è una base solida per costruire l’evento 2010: dal 15 al 17 gennaio, tre giorni di tradizione e innovazione.

Si prepara la Fiera di Lonato sull’onda del successo del 2009

Dopo il risultato eclatante del 2009, il Comune di Lonato del Garda e il Comitato fieristico sono già all’opera per preparare la 52ª edizione della Fiera regionale di Sant’Antonio Abate di Lonato, in programma da venerdì 15 a domenica 17 gennaio 2010.Nel passato le fondamenta per il futuroIl passato è il primo ingrediente per preparare bene il futuro. E l’edizione 2009 docet.Il successo della 51ª manifestazione è merito del lavoro di tutto il Comitato Fiera, magistralmente guidato dal suo presidente, l’assessore al Commercio Valentino Leonardi, dal direttore Nicola Ferrarini, coadiuvati dal presidente della Commissione Affari Generali Mirvano Facchinetti e dell’impegno dei numerosi volontari. Riconfermati i vertici della squadra precedente, già da alcune settimane il Comitato si sta dando da fare per impostare l’edizione numero 52.La tradizione agricola e l’innovazioneIl popolare appuntamento è legato alla ricorrenza di Sant’Antonio Abate, il 17 gennaio, e alla tradizione agricola locale. Negli anni, la kermesse si è sviluppata in una formula sempre più estesa e di successo, con tanti espositori e migliaia di visitatori, anche nelle giornate più fredde.A testimoniare l’ottima riuscita della fiera nel 2009, ci pensa il bilancio consuntivo, che mostra un disavanzo di circa 11.100 euro: «È il miglior risultato ottenuto negli ultimi anni, di quattro volte inferiore a quello dell’anno prima – commenta Mirvano Facchinetti –. Il modello del 2009 ha funzionato bene, anche economicamente, ma la nostra volontà è di continuare a innovare la manifestazione per offrire ai lonatesi e ai nostri ospiti un evento sorprendente, pur mantenendo viva la tradizione agricola e artigianale del territorio».Nuove aree e nuove ideePer il 52° anno sono già molte le idee in cantiere, in fase di studio o di sviluppo, insieme ai permessi necessari. La rassegna funziona bene, rimarca Nicola Ferrarini, «grazie al fatto che tutte le Amministrazioni comunali, quella attuale e anche le precedenti, hanno sempre creduto e investito nella fiera, quale evento regionale tipico che valorizza tutto il comprensorio lonatese. Anche per il 2010 abbiamo in programma una serie di novità e nuove aree espositive».  

Articoli Correlati

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

In Evidenza

Dello stesso argomento

Ultime notizie

Ultimi Video