domenica, Maggio 26, 2024
(due passaggi del poema la passiù)

Te ciame

Te ciame

Con te luntà
la ca l’è vöda
el lèt zelà,
za i to fiur
j’è quasi secà.

Senti: te ciame,
ormai non go piö us,
fa prèst, vé zo …
vé zo da Montecrùs!

Scüsa se te voi bé
se vale gna do palanche:
Signùr! Ma te me manche …

Ti chiamo

Con te lontana
la casa è vuota
e il letto è gelato,
già i tuoi fiori
si sono quasi seccati.

Senti: ti chiamo
ormai non ho più voce,
fa presto, vieni giù…
vieni giù da Montecroce!

Scusa se ti voglio bene
se valgo meno di un soldo
Signore! Ma tu mi manchi…

Nessun Tag Trovato
Articoli Correlati

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

In Evidenza

Dello stesso argomento

Gnà ‘n fil de vent

Fòja

Dàrder

Piuisnì

Ultime notizie

Ultimi Video