sabato, Luglio 20, 2024
HomeManifestazioniAvvenimentiUna scuola dentro i container
I volontari, appena rientrati dalla Guinea Bissau, lanciano un nuovo progetto. Realizzata in fabbrica a Ghedi, sarà rimontata in Africa

Una scuola dentro i container

Per l’undicesimo anno consecutivo il gruppo dei volontari di San Felice del Benaco e delle località vicine ha effettuato la spedizione in Guinea Bissau, completando la costruzione di una casa delle suore dell’Immacolata, iniziata l’anno scorso. E adesso sta riempiendo i container con una scuola prefabbricata, che verrà rimontata in terra africana. Venticinque persone hanno trascorso il mese di gennaio e i primi giorni di febbraio a Mansoa, una sessantina di chilometri dalla capitale, ultimando una struttura di 200 metri quadri coperti, più una veranda di 50 mq. Servirà ad accogliere le ragazze madri, che vengono a chiedere il latte in polvere, a curare i bambini, ecc. Nella zona i parti gemellari sono numerosi. Data la scarsa alimentazione, le mamme non riescono a nutrire entrambi i bebè e, spesso, abbandonano il più debole. Per evitare che ciò accada, le missionarie distribuiscono latte in polvere per il periodo dello svezzamento. I volontari hanno poi montato un serbatoio da 6.000 litri, a Bissau, sostituendone uno fatiscente, non più riparabile. «Avevamo una decina di aiutanti locali – rammenta Annibale Bissolati, coordinatore del gruppo assieme a Mattia Manovali -. Alla fine, pitturata la casa, le suore hanno fatto il trasloco, abbandonando il vecchio edificio, ormai diroccato, con le termiti che avevano intaccato le mura e i tetti». Per far fronte alle spese e finanziare gli interventi, a San Felice tengono concerti, raccolgono ferro, alluminio e…offerte. Organizzano la tradizionale «Camminata per l’Africa», coinvolgono le scuole (i ragazzi si privano di qualcosa, creano degli oggetti da vendere e poi consegnano il ricavato), si dedicano al mercato equo-solidale (vendono collane della Guinea, ricami di una cooperativa di donne del Bangladesh, ecc.), effettuano adozioni a distanza. Diciotto i volontari che, nel ’92, hanno deciso di partire per una terra lontana e sconosciuta: la Guinea Bissau, un’ex colonia portoghese, situata sulla costa atlantica. Con gli anni, il mal d’Africa ha coinvolto parecchie altre persone: di Roè Volciano, Salò, Polpenazze, Villanuova, Calcinato, Lonato. Tanto da arrivare a un numero di 85, tutti accomunati dallo stesso desiderio di solidarietà: portare aiuto a una popolazione priva di mezzi. Il periodo propizio per andare è il mese di gennaio, sino ai primi di febbraio. Motivo principale, il clima favorevole (non piove e il caldo è sopportabile, pur raggiungendo i 30-35°). Il primo intervento, nel gennaio ’92, a Mansoa, una cittadina a 60 chilometri dalla capitale Bissau, per realizzare un nuovo edificio polivalente, di 350 metri quadrati (poi adibito a scuola di cucito, ambulatorio, servizi igienici, locali per incontri), circondato da un ampio porticato, ritenuto elemento indispensabile nella cultura abitativa africana. Nel ’93, a Bissorà, 100 chilometri dalla capitale, la ristrutturazione di un edificio esistente, per complessivi 430 mq. (alloggi delle suore missionarie, sala cucito e altre stanze pluriuso). Nei due anni successivi, sempre a Bissorà, la costruzione della chiesa parrocchiale a pianta poli gonale, di 400 mq., con un portico di 200 mq. e gli affreschi dietro l’altare. Margherita, una volontaria: «Non sapevo quali colori portare. Così ho scelto i più allegri e i più forti. E ho dipinto un grandissimo albero di poilon, la pianta sacra». Nelle due spedizioni seguenti, la realizzazione della casa polivalente a Bissau: 400 mq. più 200 di porticato. Nel ’98, a Quelele, il centro per le suore francescane (300 mq.): accolgono ragazze che studiano, garantendo loro vitto, alloggio e copertura delle spese scolastiche. Nel ’99, a causa della guerra, si è cambiata rotta, andando in Brasile, a San Paolo (rifatto il tetto di un asilo e di un centro di formazione per adolescenti). Nel 2000 di nuovo a Bissau, a riparare i danni provocati dal conflitto. L’anno scorso, a Mansoa, l’inizio della costruzione della casa per le suore e, a Quelele, l’installazione di un serbatoio da 3.000 litri per l’acqua potabile, appoggiato a una struttura tralicciata in ferro, alta sei metri. Là hanno paura a scavare i pozzi: andando sotto terra, restano magari senza respiro, e danno la colpa agli spiriti. Appena tornati dall’Africa, si diceva, i volontari stanno ora sgobbando con un prefabbricato delle Carpenterie Ghedesi, realizzato su progetto dell’ingegner Roberto Benedetti. Devono mettere le travi metalliche e la copertura di pannelli coibentati nei container. Poi li manderanno in Guinea via mare. La struttura, di circa 600 metri quadri, verrà montata a N’Dame, dieci chilometri da Bissau. Diventerà una scuola (in parte) e un pensionato (il resto) per ragazze madri. Le suore hanno deciso di scommettere sulle donne.

Nessun Tag Trovato
Articoli Correlati

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

In Evidenza

Dello stesso argomento

Ultime notizie

Ultimi Video