sabato, Febbraio 24, 2024
HomeManifestazioniFiereVincente la formula della Fiera di Lonato del Garda 2011
Tempo, visitatori ed espositori hanno premiato l’impegno dell’amministrazione comunale lonatese e del comitato fieristico per la manifestazione fieristica regionale 2011.

Vincente la formula della Fiera di Lonato del Garda 2011

Nella ricorrenza di Sant'Antonio abate, si è conclusa, con la benedizione degli animali sul sagrato della chiesa di Sant'Antonio e l'esibizione cinofila, la Fiera regionale di Lonato del Garda numero 53. Da venerdì 15 a oggi, la kermesse ha attirato migliaia di ospiti affollando le vie centrali della città gardesana. L'evento si è rivelato anche quest'anno un autentico successo, merito del tempo e della formula vincente. Gli espositori paganti sono stati 295, cifra a cui si aggiungono le numerose realtà presenti con i loro stand e gazebo, quali associazioni, gruppi folkloristici e sportivi e le immancabili frazioni lonatesi. Soddisfatti gli organizzatori, soprattutto i vertici della manifestazione che ha visto migliaia di volti aggirarsi tra gli spazi della 53ª Fiera per l'agricoltura, l'artigianato e il commercio, non senza qualche borsa di , genuinità nostrane e articoli di artigianato.PIÙ CHE SODDISFATTI GLI ORGANIZZATORI«Il tempo ci ha aiutato molto e, anche questa edizione, ha fatto il pieno di espositori e visitatori – constata compiaciuto il sindaco sul finire della manifestazione –. Questa 53ª Fiera, la sesta per la nostra amministrazione, sta dando risultato importanti e conferma che l'impronta conferita è quella giusta. Nonostante la crisi, abbiamo accolto a Lonato molti espositori, senza registrare alcun calo rispetto agli anni passati, anzi. Un doveroso e sentito ringraziamento finale va a coloro che hanno lavorato con passione e agli ospiti che ci hanno premiato con la loro presenza». Dello stesso avviso è l'assessore al Commercio Valentino Leonardi, presidente del comitato fieristico: «Dopo anni in cui la manifestazione stava vivendo un periodo di stasi, siamo riusciti a dare un valore aggiunto alla nostra fiera. Abbiamo sì mantenuto la tradizione, ma introdotto novità e varietà che le hanno permesso di decollare. Nei prossimi quattro anni, io, come presidente, e il direttore Nicola Ferrarini ci impegneremo insieme per far crescere ancora di più la del Garda, come merita una località turistica qual è la nostra città». Quest'anno, aggiunge il consigliere comunale nonché direttore del comitato Nicola Ferrarini, «siamo riusciti a creare un ottimo gruppo di lavoro, affiatato e propositivo. Abbiamo ospitato quasi 300 espositori, in un momento di congiuntura sfavorevole, più tante altre realtà e associazioni. Personalmente, sono molto felice del risultato di questa manifestazione. La Fiera lonatese è bella perché è varia nelle sue proposte, che Città di Lonato del Garda incontrano i gusti più diversi, ed è soprattutto a ingresso libero. È fatta di prodotti e cultura legati alla tradizione e al territorio. Ecco la formula vincente».UNO SGUARDO AGLI EVENTILa tradizionale nebbia di Sant'Antonio ha dunque portato fortuna alla kermesse lonatese, riparandola dall'acqua e dalla neve e rendendola una meta allettante per il fine settimana appena terminato. In generale, commenta ancora Ferrarini, «tutti gli eventi sono andati bene e hanno avuto una buona affluenza. Anche i vari convegni, a partire dalla presentazione del libro di Marino Damonti fino all'incontro a tema storico di sabato sera, hanno registrato una partecipazione decisamente maggiore rispetto agli altri anni». Altro appuntamento culturale del calendario fieristico è stata la mostra delle opere d'arte di artisti gardesani presso la scuola media “C. Tarello”. Domenica sera, si è svolta la premiazione del 2° Concorso di pittura Gienne “Castelli e rocche del Garda” che nei giorni scorsi ha visto quasi un migliaio di visitatori accedere alla mostra e 500 persone votare le opere in gara. Nell'aula magna delle “medie”, a premiare i vincitori della giuria di qualità e popolare, oltre all'organizzatore e anima dell'evento Luigi Del Pozzo, erano presenti il presidente di giuria , il sindaco Mario Bocchio, il presidente della Fiera e assessore al Commercio Valentino Leonardi e il direttore del comitato fieristico Nicola Ferrarini. Riconoscimenti speciali della giuria sono andati a Tancredi Mucchetti e Giordano Loda. Mentre, con i loro quadri ispirati alle guglie e alle merlature benacensi, si sono distinti meritando il primo premio: Mauro Manerba di Bedizzole (per la giuria popolare) e Dario Cominelli di San Felice del Benaco (per la giuria di qualità). Infine, si ricordano i vincitori delle più goliardiche sfide in piazza Matteotti, seguitissime dal pubblico. Sabato pomeriggio, al palo della cuccagna, la vittoria è andata al gruppo veronese delle Vipere. Domenica pomeriggio – ieri – tra le sette frazioni lonatesi che si sono sfidate nei tradizionali giochi di piazza e in costumi d'altri tempi, sul podio del 3° Palio delle contrade a cura degli Amici di S. Antonio, è salito il gruppo di Campagna. Per quanto riguarda i sapori della buona tavola, ovvero le due gare gastronomiche, sotto il portico del municipio la vittoria si è tinta di rosa: la commissione di esperti ha decretato, come miglior salame, l'insaccato di Luisa Frugoni (Calcinato) e, come miglior chisöl, il dolce di Anna Maria Guarisco (Montichiari). La Fiera di Lonato del Garda, dopo oggi pomeriggio, dà appuntamento a tutti al prossimo anno. Nel frattempo, per gli amanti dei sapori nostrani, prosegue fino al 28 febbraio 2011 il circuito gastronomico “A tutto porcello”, con menu a base di carne di maiale, in 18 ristoranti del Lonatese.

Articoli Correlati

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Dello stesso argomento

- Advertisment -

Ultime notizie

Ultimi Video