Giugno 2016

Gienne_Giugno_2016Un altro ami­co se ne è anda­to. Mario Arduino, gior­nal­ista, scrit­tore e ami­co da sem­pre, non c’è più e se n’è anda­to come da lui sper­a­to, in silen­zio, sen­za clam­ori o edit­ti. Grande col­lab­o­ra­tore e sosten­i­tore morale del nos­tro men­sile, Mario ha avu­to sem­pre parole di sosteg­no, di incor­ag­gia­men­to, di sti­ma nei miei con­fron­ti e ver­so Gar­dan­otizie e, soprat­tut­to, seg­ni di grande ami­cizia. Pre­ciso, non ti per­don­a­va gli “errori di stom­pa”, come li chia­ma­va lui, pre­sen­ti da sem­pre in tut­ti i fogli stam­pati ma indi­gestis­si­mi alla sua attenzione.

Ciao Mario, gra­zie del­la tua amicizia!

Non vole­vo iniziare così il mio breve appun­ta­men­to, ma la riconoscen­za ver­so Arduino è sta­ta più forte del­la volon­tà. In questo numero tro­verete  di lui altri ricor­di, altre pagine di sto­ria e cul­tura gardesana.

Vole­vo invece sof­fer­mar­mi su alcune rif­les­sioni che l’amico Lui­gi Veronel­li dice­va “cam­mi­nan­do”, ma oggi tut­ti “cam­mini­amo” in auto, strade e local­ità gardesane.

Pas­sate Pasqua, la Pen­te­coste, la … Lo sguar­do ora è riv­olto ver­so l’oramai immi­nente sta­gione esti­va. Forse qualche nos­tro let­tore potrà anche dire “non mi toc­ca”, ma invece è evi­dente che inter­es­sa un po’ tut­ti noi che vivi­amo sul Gar­da, anche se non oper­a­tori nei vari set­tori legati all’industria del forestiero.

Siamo una “regione” for­tu­na­ta, gra­zie al baci­no che ci mantiene eco­nomi­ca­mente, in vita. Bas­ta uscire un po’, solo pochi chilometri, dai nos­tri con­fi­ni lacuali per vedere e toc­care i seg­ni del­la crisi, capan­no qua­si abban­do­nati, vetrine con la scrit­ta “affit­tasi” o “vende­si” oppure anche “locale sot­to­pos­to a seque­stro penale”. Insom­ma la crisi che i media ci rac­con­tano tut­ti i giorni esiste ed è anche, purtrop­po, pal­pa­bile nelle nos­tre imme­di­ate vicinanze.

Per for­tu­na sul Gar­da oltre alle bellezze nat­u­rale che ci sono state date in con­seg­na, c’è anche la volon­tà di impeg­nar­si, come nel­la parabo­la del Buon Sem­i­na­tore, a met­ter a frut­to quel­lo che abbi­amo con inizia­tive e pro­poste spes­so di inter­esse inter­nazionale. La rete , diret­ta da Gior­dano Bruno Guerri, sta espri­men­do quel­la volon­tà di col­lab­o­razione fra enti, pub­bli­ci e pri­vati fino a qualche anno fa impens­abile. Dunque pro­ce­di­amo con entu­si­as­mo, tut­ti insieme. Fino alla con­clu­sione di ques­ta sta­gione tur­is­ti­ca alle porte.

PDFGienne_Giugno_2016

 Gienne_Giugno_2016



Tutti i PDF di Gienne - Anche sul Canale Telegram