(due passaggi del poema la passiù)

Il Giuda di Franca Grisoni

Di Redazione
Franca Grisoni
M’hal mia fat pres­sia?
So sul chèl bazarò:
Lü’l se la spè­ta.
So sul chèl sen­tarò.
So mia come farò:
la lüs da traer­sà…
el fià ch’à pred­i­cat…
A Lü me postarò
l’ültima olta de chí,
en chesto mond,
pò me spro­fon­daró
dàn’otra ban­da.
Sèl gh’è chest’oter mond
l’ünica ban­da
‘ndó nà a scundis
dai occ che spia nel fond:
chèl m’ía za cunusit…
Sé,’l m’ía za capit.
Per­chè m’aral vulit?
Ma ades me toca
e a me sen­sa capì:
menat o da me möit?
De Dudes so chí me
el prim dèna squadra
pronta. Ma a me
chi me coman­da?

«Ami­co» El m’ha cia­mat,
Cristo! L’ói mia bazat?
Èn pò per chèl
i m’ha aca pagat:
30 mon­ede El gh’è costat
sbat­icc endré che i ho casacc
che mia per sol­cc
ghe l’ho molat.
Che pò per fan?
Per’na qualc fon­na
da pudì sul pagà, me,
mal­vas fals e rinegat
che gna me mare…
Mia come Lü
Cristo, se i l’ha ado­rat!
che tata Mare
istes al Pare
La ghe l’ha stam­pat.
E chisà dopo
con töt’sto lasas fa
de Agnelì sac­ri­fi­cat.
El se l’è vulit:
i l’enciodarà.
Vòi mia vidil
a bras aver­cc
da pudi­ga pö scapà.
El so chèl spetarà
töcc i dis­per­acc
che sö la sò crus
El sigü­tarà a crompas.

Non mi ha fat­to fret­ta?
So solo che lo bac­erò:
Lui se lo aspet­ta.
So solo che lo sen­tirò.
Non so come farò:
la luce da attra­ver­sare…
il fia­to che ha pred­i­ca­to…
A Lui mi appog­gerò
l’ultima vol­ta di qui,
in questo mon­do,
poi mi spro­fonderò
da un’altra parte.
Se c’è quest’altro mon­do
l’unico pos­to
in cui andare a nascon­der­si
dagli occhi che scru­tano nel fon­do:
per­ché mi ave­va già conosci­u­to…
Sì, Lui mi ave­va già capi­to.
Per­ché mi avrà volu­to?
Ma adesso toc­ca a me
e a me sen­za capire:
con­dot­to o mosso da me?
Di Dod­i­ci sono qui io
il pri­mo di una squadra
pronta. Ma a me
chi mi coman­da?

«Ami­co» mi ha chiam­a­to,
Cristo! Non L’ho baci­a­to?
E un pò per quel­lo
mi han­no anche paga­to:
30 mon­ete gli è costa­to
get­tati indi­etro glieli ho cac­ciati
ché non per sol­di
gliel’ho mol­la­to.
Che poi per farne?
Per una qualche don­na
da pot­er solo pagare, io,
mal­va­gio fal­so e rin­nega­to
che neanche mia madre…
Non come Lui
Cristo, se l’hanno ado­ra­to!
ché tan­ta Madre
uguale al Padre
glielo ha stam­pa­to.
E chissà dopo
con tut­to questo las­cia­r­si fare
di Agnelli­no sac­ri­fi­ca­to.
Se lo è volu­to:
lo inchioder­an­no.
Non voglio ved­er­lo
a brac­cia aperte
da non poter­gli più scap­pare.
Lo so che aspet­terà
tut­ti i dis­perati
che sul­la sua croce
con­tin­uerà a com­prar­si.

Pri­ma pub­bli­cazione il: 23 April 2020 @ 13:05