mercoledì, Giugno 12, 2024
(due passaggi del poema la passiù)

Il Giuda di Franca Grisoni

M’hal mia fat pressia?
So sul chèl bazarò:
Lü’l se la spèta.
So sul chèl sentarò.
So mia come farò:
la lüs da traersà…
el fià ch’à predicat…
A Lü me postarò
l’ültima olta de chí,
en chesto mond,
pò me sprofondaró
dàn’otra banda.
Sèl gh’è chest’oter mond
l’ünica banda
‘ndó nà a scundis
dai occ che spia nel fond:
chèl m’ía za cunusit…
Sé,’l m’ía za capit.
Perchè m’aral vulit?
Ma ades me toca
e a me sensa capì:
menat o da me möit?
De Dudes so chí me
el prim dèna squadra
pronta. Ma a me
chi me comanda?

«Amico» El m’ha ciamat,
Cristo! L’ói mia bazat?
Èn pò per chèl
i m’ha aca pagat:
30 monede El gh’è costat
sbaticc endré che i ho casacc
che mia per solcc
ghe l’ho molat.
Che pò per fan?
Per’na qualc fonna
da pudì sul pagà, me,
malvas fals e rinegat
che gna me mare…
Mia come Lü
Cristo, se i l’ha adorat!
che tata Mare
istes al Pare
La ghe l’ha stampat.
E chisà dopo
con töt’sto lasas fa
de Agnelì sacrificat.
El se l’è vulit:
i l’enciodarà.
Vòi mia vidil
a bras avercc
da pudiga pö scapà.
El so chèl spetarà
töcc i disperacc
che sö la sò crus
El sigütarà a crompas.

Non mi ha fatto fretta?
So solo che lo bacerò:
Lui se lo aspetta.
So solo che lo sentirò.
Non so come farò:
la luce da attraversare…
il fiato che ha predicato…
A Lui mi appoggerò
l’ultima volta di qui,
in questo mondo,
poi mi sprofonderò
da un’altra parte.
Se c’è quest’altro mondo
l’unico posto
in cui andare a nascondersi
dagli occhi che scrutano nel fondo:
perché mi aveva già conosciuto…
Sì, Lui mi aveva già capito.
Perché mi avrà voluto?
Ma adesso tocca a me
e a me senza capire:
condotto o mosso da me?
Di Dodici sono qui io
il primo di una squadra
pronta. Ma a me
chi mi comanda?

«Amico» mi ha chiamato,
Cristo! Non L’ho baciato?
E un pò per quello
mi hanno anche pagato:
30 monete gli è costato
gettati indietro glieli ho cacciati
ché non per soldi
gliel’ho mollato.
Che poi per farne?
Per una qualche donna
da poter solo pagare, io,
malvagio falso e rinnegato
che neanche mia madre…
Non come Lui
Cristo, se l’hanno adorato!
ché tanta Madre
uguale al Padre
glielo ha stampato.
E chissà dopo
con tutto questo lasciarsi fare
di Agnellino sacrificato.
Se lo è voluto:
lo inchioderanno.
Non voglio vederlo
a braccia aperte
da non potergli più scappare.
Lo so che aspetterà
tutti i disperati
che sulla sua croce
continuerà a comprarsi.

Nessun Tag Trovato
Articoli Correlati

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

In Evidenza

Dello stesso argomento

Gnà ‘n fil de vent

Fòja

Dàrder

Piuisnì

Ultime notizie

Ultimi Video