Servizio assistenza sanitaria con il “moto soccorso”, a Sirmione, nei week end fino al 1 settembre

Iscriviti al nostro canale
Di Redazione

Sicurez­za del cit­tadi­no e del tur­ista e tem­pes­tiv­ità nei soc­cor­si sono da sem­pre capisal­di dell’Amministrazione Comu­nale che, per questo 2019, ha sostanzial­mente imple­men­ta­to il servizio di pri­mo inter­ven­to in caso di emer­gen­za.

Per garan­tire infat­ti sem­pre più veloc­ità e pron­tez­za a col­oro che dovessero trovar­si in dif­fi­coltà di diver­so genere, entr­eran­no in servizio ben due Hon­da Transalp Moto di Soc­cor­so Base, com­ple­ta­mente allestite e attrez­zate, capaci di destreg­gia­r­si agilmente per le affol­late strade lacus­tri e il cen­tro stori­co sirmionese, spes­so paci­fi­ca­mente inva­so da centi­na­ia di per­sone e di dif­fi­cile tran­si­to per i tradizion­ali mezzi di emer­gen­za su quat­tro ruote.

Per questo moti­vo il Comune di Sirmione, in col­lab­o­razione con      il Nucleo Volon­tari ANC Valle Del Chiese ha avvi­a­to un servizio di assis­ten­za san­i­taria esple­ta­ta medi­ante l’ausilio di Moto Soc­cor­so Base (MSB), dalle ore 10.00 alle ore 20.00 di tut­ti i fine set­ti­mana (saba­to e domeni­ca) del peri­o­do com­pre­so tra il 22.06.2019 ed il 01.09.2019. Tale servizio si inserisce nel più com­p­lesso Piano di Emer­gen­za San­i­taria Lago di Gar­da 2019, che prevede il dispiego di una vera e pro­pria flot­ta di soc­cor­so: una moto presterà come det­to servizio a Sirmione, un’altra sarà oper­a­ti­va da Sirmione a Maner­ba e sarà gesti­ta dal­la Croce Bian­ca di Bres­cia, altri due mezzi saran­no impeg­nati tra Maner­ba, l’alto Gar­da e la Vallesab­bia (aut­o­fi­nanzi­ate dai Cara­binieri), oltre a un’idroambulanza del­la Croce Rossa e un mez­zo di guardia costiera.

La tem­pes­tiv­ità dei soc­cor­si è asso­lu­ta­mente fon­da­men­tale in caso di emer­gen­za; dall’invio dell’SOS all’intervento dei san­i­tari anche solo pochi minu­ti pos­sono fare la dif­feren­za. Una dif­feren­za che tal­vol­ta può essere quel­la che sep­a­ra la vita dal­la morte.

Commenti

commenti