venerdì, Luglio 19, 2024
HomeAttualitàArco punta sul parcheggio a chiocciola
Il rivoluzionario posteggio potrebbe sorgere sotto viale delle Palme. Cento posti auto diventeranno pertinenziali. L'innovativa idea di Kurt Atterdhal trova il gradimento arcense

Arco punta sul parcheggio a chiocciola

Se qualcuno, leggendo l’articolo apparso ieri su queste colonne, le ha prese sì per geniali ma un po’ troppo rivoluzionarie, almeno per i nostri gusti, dovrà, con ogni probabilità, ricredersi molto presto. Le idee innovative di Kurt Atterdahl, l’ingegnere norvegese (trapiantato da qualche tempo a questa parte a Malcesine, per esigenze climatiche) con il “pallino” dei parcheggi interrati a forma di «chiocciola», hanno suscitato l’apprezzamento dell’amministrazione comunale di Arco che uno di questi posteggi elicoidali finirà, forse, per realizzarlo nelle viscere di viale delle Palme.Nei giorni scorsi, infatti, la giunta arcense ha deciso di abbandonare la strada del Project Financing, troppo laboriosa e rischiosa per le casse del comune. Per realizzare il parcheggio interrato, che sorgerà sotto gli ex campi da tennis, si è deciso di seguire un percorso più tradizionale ma sicuro: l’appalto concorso. Tra i progetti che saranno vagliati dall’apposita commissione ci sarà, quasi certamente, anche lo studio dell’ingegnere norvegese. Che ha tutte le carte in regola per riuscire a convincere gli amministratori arcensi. «Abbiamo deciso di abbandonare l’idea del Project Financing – spiega l’assessore all’urbanistica Sergio Dellanna – in quanto troppo rischiosa e vincolante. Così, con delibera di giunta, si è deciso di optare per l’appalto concorso in cui oltre alla progettazione gli elaborati propongono anche l’esecuzione. Questo ci consentirà di risparmiare un po’ di soldi». Questo tipo di appalto consente alle amministrazioni di avere, al riguardo, vari tipi di soluzioni progettuali. In maniera da poter scegliere la migliore.«Con quest’ingegnere – commenta Dellanna – ho avuto diversi contatti. E in alcuni di questi incontri mi ha spiegato nel dettaglio la sua idea di parcheggio interrato, a forma rotonda. Una soluzione che contempla indubbi vantaggi soprattutto economici, in quanto la struttura elicoidale necessità di una minor quantità di spazio e questo porta ad una notevole riduzione di costi. Se le sue indicazioni economiche troveranno conferma in ambito progettuale, sarà certamente preso in seria considerazione da parte nostra». L’ufficio tecnico è impegnato nell’allestimento della nuova procedura e l’obiettivo è di partire con la gara verso aprile. «L’opera ci costerà 3,5 milioni di euro – continua Dellanna – noi abbiamo disponibilità per 2 milioni e mezzo. Per gli altri contiamo di fare come per Foro Boario, destinando un centinaio di posti auto ai residenti e agli operatori della zona».

Nessun Tag Trovato
Articoli Correlati

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

In Evidenza

Dello stesso argomento

Ultime notizie

Ultimi Video