giovedì, Luglio 25, 2024
HomeManifestazioniAvvenimentiPer corti e cascine: al via la seconda edizione
Porte aperte il prossimo fine settimana in «corti e cascine»: per la Valtenesi vuol dire cantine e aziende agricole-agrituristiche, nel segno del felice.

Per corti e cascine: al via la seconda edizione

Porte aperte il prossimo fine settimana in «corti e cascine»: per la Valtenesi vuol dire cantine e aziende agricole-agrituristiche, nel segno del felice connubio tra turismo ed enogastronomia. Per presentare la seconda edizione di questa iniziativa che si svolge su scala regionale è stata scelta la Rocca di Lonato, dalla quale si gode un panorama meraviglioso del Garda ed idealmente è una porta aperta sulla Valtenesi. Turismo ed enogastronomia insieme, come abbinamento che può aprire nuovi orizzonti per le aziende agricole. Ne sono convinti gli assessori provinciali all’agricoltura Giampaolo Mantelli e al turismo Ermes Buffoli: «La valorizzazione di questo territorio – osserva Mantelli – è connessa alla capacità di far conoscere meglio i suoi prodotti: dal vino all’olio, dai formaggi ai salumi, dalle marmellate al miele e altro ancora». Opportunamente l’itinerario della Valtenesi che viene proposto sabato 13 e domenica 14 ai visitatori invita a scoprire le «delizie» di questa terra gardesana. «Abbiamo un patrimonio artistico-culturale – aggiunge Buffoli – che merita di essere maggiormente conosciuto. Qui a Lonato, per esempio, c’è questa Rocca meravigliosa e c’è la Fondazione Da Como che vanta collezioni di assoluto rilievo (non solo di libri antichi) e che anche i bresciani conoscono pochissimo. Dobbiamo crederci, possiamo costituire un circolo virtuoso tra turismo e cultura». Con sole due eccezioni, le aziende bresciane che hanno aderito alla seconda edizione di «Per corti e cascine» sono in Valtenesi. Un ruolo di primo piano nella organizzazione è svolto da Cristina Pellegrini, responsabile delle cantine della Valtenesi di Moniga che aprirà sabato e domenica le sue porte insieme alle aziende agricole Masserino, Monterotondo e La Basia di Puegnago, l’azienda agricola biologia l’Ulif di Polpenazze, l’azienda agricola agriturism Trevisani di Soprazocco di Gavardo e l’azienda agricola La Torre di Mocasina di Calvagese. Le due eccezioni bresciane sono l’agritrurismo Paros di Angolo e l’azienda agricola Giorgio Volpi di Adro. In Lombardia le adesioni sono 165, 22 gli itinerari proposti rispetto ai 16 dello scorso anno: la partecipazione della nostra Provincia, come si vede, è piuttosto limitata. Solo la Valtenesi ha risposto nel modo migliore, forte dei buoni risultati conseguiti lo scorso anno quando i visitatori erano stati circa un migliaio. Chi viene a vedere le aziende, se non compra subito vino o altri prodotti, torna a farlo successivamente. E il passaparola di chi è soddisfatto degli acquisti è una pubblicità eccellente.

Articolo precedente
Articolo successivo
Articoli Correlati

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

In Evidenza

Dello stesso argomento

Ultime notizie

Ultimi Video