lunedì, Luglio 22, 2024
HomeManifestazioniAvvenimentiRyanair fa retromarcia
Il «D’Annunzio» base europea? La compagnia aerea irlandese ci ripensa di nuovo

Ryanair fa retromarcia

Furbi come volpi questi irlandesi della Ryanair. A fine gennaio annunciavano di aver messo in un cassetto l’ipotesi di scegliere il Gabriele D’Annunzio come base europea di riferimento. Poi, pochi giorni fa, nel corso di una conferenza stampa per annunciare nuovi collegamenti, facevano intuire che forse qualche speranza c’era ancora. Ora l’ennesima cambio di rotta, o se proprio si vuol restare ottimisti l’ennesimo rinvio della decisione. Ecco i motivi della nuova virata: la Ryanair ha arricchito la sua flotta di due nuovi velivoli, annunciando anche l’attivazione di collegamenti a prezzi stracciati da Treviso e Pisa per Bruxelles (Charleroi). La compagnia irlandese – che sta crescendo a ritmi da record – attende l’arrivo di altri cinque velivoli. E a quel punto si porrà – non più rinviabile – il problema di scegliere lo scalo di riferimento per la sosta, la manutenzione e lo svolgimento di tutte quelle operazioni che regolano la vita di una flotta aerea. C’è tempo quindi per la scelta definitiva; nel frattempo la compagnia irlandese continua a trattare per scegliere chi alla fine le offrirà migliori garanzie, continuando così a tenere sulle spine Montichiari. Che sia tramontata (definitivamente?), la scelta di Montichiari lo conferma Antonio Realdi, direttore dello scalo bresciano, che con una punta di malcelata delusione è costretto ad annunciare la notizia che non avrebbe mai voluto dare ai passeggeri bresciani. Ryanair continuerà per ora ad assicurare i due voli giornalieri con Londra a prezzi stracciati e con periodiche offerte che viaggiano nell’etere tramite Internet al sito www.rayanair.com. Prosegue invece con buoni risultati i voli charter con le località turistiche della Tunisia organizzati dal Tour operator La Bottega dei Viaggi con sede a Gardone Valtrompia, che lunedì ha effettuato il suo terzo tragitto in un mese. Come pure non si interrompe il rapporto della compagnia bresciana Air Dolomiti con l’aeroporto D’Annunzio per quanto riguarda i voli giornalieri con Roma – Fiumicino. Un accordo che durerà almeno sino al 24 marzo, quando la compagnia bresciana dovrebbe essere sostituita dalla siciliana Gold Wing che si è impegnata a mettere a disposizione aerei più veloci e capienti. La direzione della Catullo spa, che gestisce gli aeroporti di Verona e Brescia, non ha però ancora confermato la sostituzione e nuove possibilità, come la riconferma della stessa Air Dolomiti, sono ancora possibili. Note positive sarebbero invece in arrivo dal ministero degli Interni per quanto riguarda il numero dei mezzi e degli uomini a disposizione del corpo dei Vigili del fuoco di stanza all’aeroporto bresciano. «Dovrebbero presto salire a 60 – spiega Realdi con un pizzico di comprensibile diffidenza, visti gli annunci ripetuti in tal senso nei mesi scorsi -, per poter realizzare i tre turni con maggior tranquillità ed efficienza». Come pure dovrebbe aggiungersi anche una nuova autopompa, la cosiddetta «ruota di scorta» per impedire il ripetersi di dirottamenti aerei a causa di guasti ad un mezzo antincendio, come è accaduto dieci giorni fa.

Articolo precedente
Articolo successivo
Articoli Correlati

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

In Evidenza

Dello stesso argomento

Ultime notizie

Ultimi Video