A Lazise un Natale benefico

24/12/2018 in Senza categoria
Parole chiave:
Di Sergio Bazerla

Il ind­i­riz­za­to alla benef­i­cen­za. E’ questo il mes­sag­gio che la par­roc­chia ha inte­so intrapren­dere con due sig­ni­fica­tive inizia­tive. La pri­ma con un miniprog­et­to per il Ciad dove vive ed opera Don Achille Boc­ci, già par­ro­co di Lazise, il sec­on­do attra­ver­so il can­to del­la Stel­la.

Con la pri­ma inizia­ti­va, che ha ottenu­to risul­tati al di sopra di ogni aspet­ta­ti­va, sono sta­ti rac­colti 1690 euro con la ven­di­ta di “un angi­o­let­to per guarire”, ogget­ti­no natal­izio real­iz­za­to da Pao­la Cam­pag­nari; con il can­to del­la Stel­la, attra­ver­so le con­trade , i volon­tari, incon­tran­do le famiglie, sono rius­ci­ti in tre ser­ate a raci­mo­lare oltre 1000 euro che saran­no des­ti­nati in parte alla Car­i­tas zonale ed in parte a per­sone bisog­nose del­la par­roc­chia. Una tradizione buona che va val­oriz­za­ta, spie­ga il par­ro­co nel bol­let­ti­no set­ti­manale, con il con­trib­u­to di sem­pre più per­sone.

E’ sta­ta una inizia­ti­va che ha dimostra­to davvero la sol­i­da­ri­età ver­so i bam­bi­ni del Ciad — sot­to­lin­ea Pao­la Cam­pag­nari — nata in fret­ta, ma sig­ni­fica­ti­va. Tan­t’è vero che gli angi­o­let­ti real­iz­za­ti sono risul­tati pochi e sol­lecita­mente ne ho fat­to altri. Un suc­ces­so impor­tante che con­tribuisce a sostenere le spese ospedaliere per curare i bam­bi­ni del­la famiglia Djo­do Gas­sa e Tagal dove opera da più di un anno Don Achille.”

Parole chiave: