“Caramba che parenti” con I Guitti a Lazise

21/12/2016 in Teatro
A Lazise
Iscriviti al nostro canale
Di Luigi Del Pozzo

Salone del Centro Giovanile Parrocchiale stracolmo come non mai. Pubblico delle grandissime occasioni con molte persone giunte anche dai paesi limitrofi per gustarsi le risate con la pièce teatrale de I Guitti che si sono cimentati in ” Caramba che parenti”.

Dodici attori dilettanti che hanno recitato un due atti prodotto e scritto e Loredana Cont con l’adattamento in dialetto veronese da parte del regista Gianni Iozzia.

Musiche e luci di Luca Venturelli e Andrea Cristofoletti, l’arredamento di Franco Sartori e Lucia Zampieri, costumi di Clara Finetto, trucco e parrucco di Daniela Bergamini.

Il coordinamento degli attori e della location sono stati curati da Laura Agnoli.

“Ci abbiamo lavorato da un paio di mesi – spiega il regista Gianni Iozzia – e il lavoro non era dei più facili. In particolare – soggiunge Iozzia – abbiamo dovuto adattare il pezzo di  Con, scritto in dialetto trentino, con la traduzione in dialetto gardesano. Una discreta fatica.”

Don Pedro interpretato da Maurizio Botteghi e Don Felipe impersonato da Paolo Tomasi sono stati i due personaggi che hanno trascinato l’intero gruppo in una bella ironica commedia che ha divertito ampiamento il pubblico. Non da meno l’abilità artistica e gestuale delle rappresentanti del gentil sesso Cornelia, Pina e Carla rispettivamente interpretate da Elisanna Perinelli, Paola Corazza e Rossana Sartori, non disgiunte dallo sganascevole intervento del vigile Giovanni Zanetti.

“Sono stati tutti bravi – sottolinea  il parroco Don Achille Bocci – perchè si sono studiati la parte per moltissime sere, proprio qui al centro giovanile parrocchiale. Ed ho visto con quanto impegno e quanta voglia di fare. Hanno dato davvero il meglio. E gli applausi del pubblico li hanno davvero ripagati. Da ripetere.”

 

Commenti

commenti