Presentato ieri in Rocca il ricco programma delle manifestazioni rivane. Luci accese già alla fine di novembre

Natale gioca d’anticipo

Parole chiave: -
Di Luca Delpozzo
Riva del Garda

«Il dif­fi­cile non è fare le cose, il dif­fi­cile è far­le in armo­nia». Così, con le parole del­l’asses­sore alla cul­tura Lui­gi Mari­no si potrebbe sin­te­tiz­zare la “con­di­vi­sione” del lavoro di grup­po che, par­ti­to in sor­di­na l’an­no scor­so, ha rag­giun­to quest’an­no ide­ale con­giun­zione tra econo­mia, cul­tura e tur­is­mo nel met­tere in sce­na «Fiabe, luci e altre mer­av­iglie», in altre parole il ric­co cal­en­dario del 2002 a Riva.Presentato ieri mat­ti­na in Roc­ca, uno dei pun­ti nevral­gi­ci del Natale rivano che si appres­ta a vivere un inten­so mese d’ap­pun­ta­men­ti, il pro­gram­ma che il comune, l’asses­so­ra­to alla cul­tura, quel­lo al tur­is­mo e i com­mer­cianti al det­taglio han­no sti­la­to per l’Avven­to 2002 è di quel­li che sol­leticher­an­no cer­ta­mente la cit­tad­i­nan­za ed i suoi ospi­ti. Nei mesi tradizional­mente “addor­men­tati” in cui com­mer­cianti, negozianti e alber­ga­tori trova­vano ide­ale ris­toro dalle fatiche estive, il “tri­umvi­ra­to” eccel­lente com­pos­to dagli asses­sori Lui­gi Mari­no e Mar­co Tanas insieme a Fran­co Gam­ba, cui Pao­lo Malvin­ni for­nisce vali­do sup­por­to, ha scodel­la­to da saba­to 30 novem­bre, tradizionale fes­ta del patrono di Riva S. Andrea, sino a domeni­ca 5 gen­naio 2003 un’edi­zione ric­ca di novità.«A par­tire dalle lumi­nar­ie di Natale — ha det­to Fran­co Gam­ba par­lan­do a nome dei com­mer­cianti al det­taglio, cat­e­go­ria di cui è pres­i­dente — che sono le stesse del­l’an­no scor­so, ma che tan­to suc­ces­so han­no ottenu­to. Quest’an­no sono state aggiunte tre gran­di sfere lumi­nose, chia­mate “sfera pres­ti­gio”, sem­pre a luce bian­ca, che saran­no instal­late su dei pali agli incro­ci tra Viale Dante e Viale Roma, uno a Largo Ben­sheim e il ter­zo in Piaz­za Garibal­di. Dob­bi­amo ringraziare Pala­con­gres­si, il Cred­i­to Coop­er­a­ti­vo Alto Gar­da e la Cas­sa Rurale di Arco per questo, ma il nos­tro gra­zie va anche all’U­nione Com­mer­cio e Tur­is­mo, Car­itro, Btb, Cas­sa Rurale di Ledro e Ban­ca Popo­lare. Abbi­amo illu­mi­na­to il cen­tro stori­co, ma anche i viali esterni quali Viale Roma, Viale San Francesco e Viale Dante, illu­miner­e­mo anche Por­ta San Mar­co, San Michele e , insom­ma cre­di­amo sia l’inizio di un per­cor­so a medio ter­mine inizia­to assieme a Comune, Apt e Unione Com­mer­cio e Turismo».Le luci, però, rap­p­re­sen­ter­an­no solo il deg­no corol­lario di un nutri­to pro­gram­ma illus­tra­to dal­l’asses­sore Mar­co Tanas, il quale ha pre­cisato come l’inizia­ti­va vede coin­volte le asso­ci­azioni del ter­ri­to­rio in un uni­co, grande, momen­to. «È un seg­nale molto impor­tante per la nos­tra cit­tà — le parole di Tanas — che se lo meri­ta. Si andrà dal­la nar­razione di fiabe per i bam­bi­ni con un per­cor­so in Roc­ca, alla Piazzetta del Gus­to in piaz­za delle Erbe, dove in due casette si altern­er­an­no per tre fine set­ti­mana i volon­tari di cias­cu­na delle sei asso­ci­azioni coin­volte, in modo da pro­porre ai res­i­den­ti e ai nos­tri ospi­ti le loro spe­cial­ità culi­nar­ie. La disponi­bil­ità del volon­tari­a­to è un ulte­ri­ore dimostrazione che si sta lavo­ran­do bene e in armo­nia, men­tre non van­no dimen­ti­cati i per­cor­si musi­cali e le altre inizia­tive col­le­gate, quali la Fiac­co­la­ta Natal­izia e il subacqueo».L’accensione delle lumi­nar­ie è pre­vista per dopodomani, saba­to 30 novem­bre, in occa­sione del tradizionale appun­ta­men­to annuale con la Fiera di San­t’An­drea, ma il comune ha in ser­bo anche l’il­lu­mi­nazione del­la Roc­ca dove, vale anco­ra la pena ricor­dar­lo, i bam­bi­ni saran­no i padroni asso­lu­ti de “La Casa del­la Fiaba”.

Parole chiave: -