Di giorno a Torri, la sera a Garda: è in servizio ventiquattr’ore su ventiquattro la nuova ambulanza della Croce Bianca.

Nuova ambulanza alla Croce Bianca

29/06/2000 in Avvenimenti
Parole chiave:
Di Luca Delpozzo
Angelo Peretti

Di giorno a Tor­ri, la sera a Gar­da: è in servizio ventiquattr’ore su ven­ti­quat­tro la nuo­va ambu­lan­za del­la Croce Bian­ca. E in più è pronta a dare man forte in qualunque momen­to all’Abeo, l’associazione che assiste i bam­bi­ni emopati­ci onco­logi­ci. L’annuncio è sta­to dato dal pres­i­dente del­la Croce Bian­ca, Fabio Raguzzi, alla recente inau­gu­razione del nuo­vo mez­zo a dis­po­sizione dei volon­tari. La Croce Bian­ca ha sede a Tor­ri ed opera con una sezione anche a Gar­da. «Ci siamo impeg­nati ad offrire il nos­tro sosteg­no all’Abeo », ha det­to Raguzzi ‚« ren­den­do­ci disponi­bili ad effet­tuare trasporti per con­to di quest’importante asso­ci­azione da Verona ver­so tutt’Italia. Per ques­ta attiv­ità ognuno dei nos­tri volon­tari, pres­i­dente com­pre­so, ha mes­so a dis­po­sizione uno-due giorni delle pro­prie ferie». Ed a sug­gel­lare la part­ner­ship, alla cer­i­mo­nia di inau­gu­razione, svoltasi sul lun­go­la­go di Gar­da, vi era la respon­s­abile dell’Abeo veronese, Grazia Milani. Pre­sen­ti anche i sin­daci di Gar­da, Gior­gio Comenci­ni, e di Mal­ce­sine, Giuseppe Lom­bar­di, i due Comu­ni riv­ieraschi che han­no offer­to un con­trib­u­to finanziario all’acquisto del­la nuo­va ambu­lan­za. Oltre alle due Ammin­is­trazioni locali, han­no con­tribuito in maniera sostanziosa isti­tuzioni cred­i­tizie ed aziende pri­vate. Gli stes­si volon­tari del­la Croce Bian­ca han­no mes­so mano al portafoglio. «La nuo­va ambu­lan­za », sot­to­lin­ea Raguzzi ‚« sarà disponi­bile per tut­ta l’estate. Cre­do si trat­ti di un’importante rispos­ta alle esi­gen­ze delle realtà tur­is­tiche del com­pren­so­rio -Gar­da. Oltre­tut­to con questo mez­zo siamo in gra­do di garan­tire un servizio pro­fes­sion­ale anche per i trasporti all’estero». La vet­tura, una Mer­cedes 312 tur­bod­iesel, è sta­ta dota­ta di un’unità pedi­atri­ca e di una ter­mocul­la, anche per sop­perire meglio alle neces­sità dell’Abeo.

Parole chiave: