giovedì, Giugno 13, 2024
HomeEnogastronomiaÈ il «Provenza» imbottigliato a Desenzano
I Contato brindano al miglior chiaretto. Al vertice della Confraternita è stato eletto a Franco Zane

È il «Provenza» imbottigliato a Desenzano

«Provenza» della famiglia Contato (sede a Desenzano, all’uscita di Sirmione della tangenziale) ha preceduto di un soffio la cantina di Bruno Franzosi (Puegnago). Più staccata «Le chiusure», che fa capo ad Alessandro Luzzago, e si trova a Portese, frazione di San Felice del Benaco. Sono questi i tre chiaretti migliori del 2004. Così hanno deciso i «Castellani», la confraternita di Moniga che ha tenuto la propria assemblea nella splendida cascina San Zago di Salò. Al concorso, giunto alla 27^ edizione, hanno partecipato una ventina di prodotti. Dopo la prima cernita (la giuria ha effettuato un esame accurato, tenendo conto di limpidezza, colore, finezza, struttura, corpo, intensità e persistenza), si è svolto la scontro finale, limitato al tris d’assi. I voti sono stati espressi da una sessantina di consumatori, uomini e donne, equamente divisi. È la prima volta che «Provenza» s’impone. L’azienda agricola, guidata da Fabio Contato, dispone di 99 ettari vitati nella zona del Lugana, e produce 800 mila bottiglie all’anno. La quantità maggiore (il 65%) è rappresentata dai vini bianchi. La cantina Franzosi ha iniziato l’attività nel ’38, con nonno Giovanni. Nel ’71 si è trasferita sul dosso di una collina, in splendida posizione panoramica, in località Palude di Puegnago. I 3.500 quintali di uva provengono da 35 ettari posti a un’altezza tra i 100 e i 300 metri. Il punto di forza sta nelle due vendemmie distinte, precedute in agosto dal diradamento delle foglie e di quasi il 50% dei frutti. Più giovane, invece, «Le chiusure», che è comunque riuscita a emergere in modo brillante. Intanto i «Castellani» hanno cambiato presidente. Rimasto in carica tre anni, Renato Bertoni ha ora ceduto il collare di numero 1 a Franco Zane. Gli altri componenti del direttivo sono Ennio Avigo, gran maestro fondatore, Giancarlo Giacopuzzi, segretario, Marcello Coppola della Navigarda e Franco Martini, neo vice. «La qualità generale del nostro chiaretto, gardesano di riva lombarda, fiore all’occhiello della vitivinicoltura bresciana, è ulteriormente migliorata – ha detto Zane -. Quantomai sofferta la selezione sui 20 campioni pervenuti: sette erano infatti racchiusi in un pugno di punti». Il nuovo presidente ha già stilato un programma di massima: sabato 16 aprile ritiro dei cartoni, per un migliaio di bottiglie, nella cantina Provenza, con merenda all’aperto; a fine maggio gemellaggio con la Confraternita del risotto a Sannazzaro de’ Burgundi, in provincia di Pavia; in giugno la visita in Valtellina; a metà luglio la partecipazione al Festival mondiale del chiaretto (a Desenzano, sul monte Corno), con gita sul piroscafo; in settembre l’escursione a Tignale, Tremosine e al Caseificio Alpe del Garda; a ottobre la due giorni in Toscana; a novembre lo spiedo; in dicembre la serata prenatalizia.

Articolo precedente
Articolo successivo
Articoli Correlati

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

In Evidenza

Dello stesso argomento

Ultime notizie

Ultimi Video