venerdì, Aprile 12, 2024
HomeAttualità«Equipenatura»: guide per trovare i segreti del Baldo
È nata una nuova associazione. Specializzati sull’ambiente per «rinnovare» il turismo

«Equipenatura»: guide per trovare i segreti del Baldo

 Nella pressoché totale assenza di coordinamento fra Regione, Provincia, Comuni, enti di promozione turistica, associazioni culturali e del tempo libero per un intento unitario di conoscenza diffusa del Baldo, la nuova associazione di guide ambientali ed escursionistiche «Equipenatura» segna un cambiamento.L’associazione è stata recentemente presentata a Caprino e dispiega guide diplomate secondo la legge regionale sul turismo 33 del 4 novembre 2002, patentate dagli esami dell’amministrazione Provinciale, autorizzate dai Comuni e richiede una specifica preparazione nei vari campi a ciascun membro per le persone accompagnate in gita, sia a piedi, che in bici da montagna, in nordic walking e con l’escursionismo con cavalli, asini e muli. Da sole parlano le tesi di laurea dei membri: botanici, zoologi, entomologi, etologi e ornitologi. «Si vuole promuovere, sviluppare e fornire servizi d’alto livello legati ad attività sportive, nel pieno rispetto dell’ambiente, favorendone la conoscenza e organizzando manifestazioni unite alle attività didattico-culturali», dice lo statuto. Risponde così a un’istanza molto sentita, finalmente: sapere dove si va, cosa si vede, che storia hanno i luoghi, le rocce, le valli, le piante, e dando un lavoro e una risposta alla disoccupazione intellettuale giovanile ed uno sbocco a chi, sul proprio territorio, vuole operare nel segno di un turismo colto. Ciò non esclude la disponibilità di Equipenatura anche per organizzare trekking e raid, o semplici gite, anche su altri territori, soprattutto nel Triveneto, disponendo di soci anche vicentini e trentini. Il programma 2009 prevede una trentina d’uscite. C’è della poesia (e della passione) in quest’entusiasmo competente, c’è gioventù determinata (età media 33 anni), e base scientifica. Cè già la Salewa che li ha già dotati di tute e marchi d’altura. Adesso aspettano le prenotazioni per chi vuole sicurezza e conoscenza, magari anche convenzioni con quegli enti che, finora, per il Baldo hanno speso parole al vento. Tutti concordano su di una meta, autorizzati come sono a guidare la gente nei siti Sic (interesse comunitario) e Zps (Zone di protezione speciale), quella del futuribile Parco del Baldo. Segnerebbe un meritato quanto tardivo riscatto.

Articoli Correlati

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Dello stesso argomento

- Advertisment -

Ultime notizie

Ultimi Video