mercoledì, Luglio 24, 2024
HomeAttualitàGiro d’Italia dilettanti: è lo sport «al naturale»
Sabato l’arrivo di tappa nella cittadina gardesana per la corsa nazionale. La «carovana» dei ciclisti è testimonial contro il doping In serata a Moniga convegno con il ministro Gelmin

Giro d’Italia dilettanti: è lo sport «al naturale»

Approda sabato a Lonato il «Giro d’Italia dilettanti». Manifestazione che ritorna dopo alcuni anni di pausa, e che sposa in toto l’etica sportiva assumendo il nome di «Biogiro».Quella con arrivo a Lonatoè la seconda tappa di 144 chilometri, la Modena-Lonato, dedicata ai velocisti. Arrivo previsto nel pomeriggio lungo viale Roma. Circa 160 i partecipanti (italiani per squadre di club, stranieri per nazionali) che hanno aderito all’iniziativa, le cui linee guida sono state preparate da Giancarlo Brocci.I criteri di partecipazione sono rigorosamente «biologici», puntando al recupero del patrimonio di valori che nobilitarono i tempi eroici del ciclismo.In altre parole: niente doping o diavolerie del genere, ma uno sport pulito e naturale. Il progetto era stato presentato a gennaio, in occasione della Fiera davanti al ministro della Pubblica istruzione, Mariastella Gelmini, all’assessore provinciale allo Sport, Sala, a Giuseppe Martinelli, direttore sportivo di prestigio e Maurizio Casasco, presidente della Federazione medico sportiva.Sabato sera alle 21 all’Hotel Ramada di Moniga si terrà un incontro pubblico con gli organizzatori e i giovani ciclisti partecipanti, per fare una riflessione sull’esperienza. Tornerà il ministro Gelmini insieme con l’assessore regionale allo Sport, Prosperini. «Lonato sostiene convinta questa iniziativa – ci dice l’assessore Tardani, che di professione fa il medico – perché bisogna lanciare continuamente messaggi educativi. Puntare al recupero di valori, di condotta, educazione civica da riportare tra i giovani».L’arrivo a Lonato del «Biogiro» sarà preceduto nel tratto finale, dalla salita del Tiracollo fino al centro storico, dai ciclisti della Feralpi.Inoltre faranno passerella alcune vecchie motociclette d’epoca usate dalle forze dell’ordine proprio per garantire la sicurezza ai ciclisti. Domenica la carovana del «Biogiro» riprenderà a pedalare per arrivare ad Asiago. 173 chilometri, con arrivo in salita sull’altopiano veneto.

Articoli Correlati

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

In Evidenza

Dello stesso argomento

Ultime notizie

Ultimi Video