lunedì, Luglio 22, 2024
HomeCulturaIl primo pievano di San Martino arrivò in paese oltre mille anni...
Si chiamava Gisemperto e fu tra i 18 capi del paese che ottenne privilegi da Ottone II. Tra i responsabili contemporanei il compianto monsignor Rino Furri

Il primo pievano di San Martino arrivò in paese oltre mille anni fa

Intorno all’anno Mille sorsero i primi gloriosi «Comuni d’Italia». Non a caso anche Lazise fu comune proprio intorno all’anno mille precisamente il 9 maggio 983 grazie al Diploma di Ottone II. E fu proprio in quel periodo che in Italia si svilupparono le prime pievi, ovvero cappelle soggette alla matrice (diocesi). Le pievi nel veronese organizzarono ecclesiasticamente le campagne a cominciare dal quarto secolo. Erano modellate sulla chiesa del vescovo: nel capoluogo la matrice con il sacro fonte e un collegio di chierici, nelle ville del distretto cappelle subalterne: pievanili e private. Le pievi rurali esercitarono una benefica funzione, religiosa e sociale. Nel periodo turbolento delle invasioni barbariche raccolsero le scintille ancora vive della civiltà, afferma Don Agostini, «svilupparono il commercio attorno al tempio, con fiere e sagre, cooperando con i grandi monasteri mediante l’istituzione di ospizi per i pellegrini, sostituendo il rovinato sistema stradale romano con un nuovo sistema di comunicazioni detto monastico pievanile; tramandato di generazione in generazione, favorendo l’istituzione appunto dei gloriosi comuni». A Lazise il primo pievano che la storia riporta è Gisemperto (983). Nel diploma di Ottone II è detto presbyter. Fu tra i 18 capi del paese ai quali l’imperatore concesse i noti e importanti privilegi, tra i quali quelle di fortificare il vecchio castello. Poche sono le notizie sui chierici che operarono a Lazise. Queste però, come ben sottolinea ancora Don Agostini, sono di grande importanza perché riflettono la storia generale della disciplina ecclesiastica: decaduta con il decadere delle pievi, durante la cattività avignonese (1308-1377) e lo Scisma d’Occidente (1378-1417); ristabilita in seguito alle prescrizioni del Concilio di Trento. Il secondo chierico fu Totto (1077). È il primo pievano che appare con il titolo di arciprete. Figura, con i diaconi Lazzaro e Dionisio, nel numero dei rappresentanti del paese che ebbero dall’imperatore Enrico IV importanti esenzioni e il dominio della silva Ligana. Il terzo fu Paride (1170), il quarto Bono (1184), il quinto Nicolò (1273). E si arriva fino al XX secolo. Alessandro Mazzoni è il 44 pievano e si insedia a Lazise nel 1906. Vi rimane fino al 1932. Fu colui che impose al comune di trasformare la torre campanaria di S. Martino, all’attuale cimitero, in un sepolcro con cappella, tomba e loculi. Monumento da poco restaurato ad opera dell’Amministrazione. Nel 1933 giunge mons. Giuseppe Mantovani, il 45° pievano della storia di Lazise. Il 46° fu Don Sisto Valle che arrivò nel 1953. A lui successe mons. Zeffirino Furri, poi passato alla guida della parrocchia di Soave e fino alla morte responsabile del Centro culturale Toniolo. A Lazise ha lasciato un grande segno. A lui successe mons. Giuseppe Boaretto il quale si impegnò per l’edificazione del centro giovanile parrocchiale. Dal 1982 regge la parrocchia di San Martino Don Edoardo Sacchella, il 49° pievano di Lazise.

Nessun Tag Trovato
Articoli Correlati

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

In Evidenza

Dello stesso argomento

Ultime notizie

Ultimi Video