giovedì, Maggio 23, 2024
HomeManifestazioniAvvenimentiLa Festa di Tulipani da Sirmione al Parco Giardino Sigurtà

La Festa di Tulipani da Sirmione al Parco Giardino Sigurtà

Dopo lo straordinario spettacolo di migliaia di tulipani di varie specie e tonalità, ammirati a Sirmione, realizzato da Giuseppe Sigurtà, il progettista delle aiuole lacustri, con lo stesso stile attuato al suo Parco, è stato naturale raggiungere Parco Giardino Sigurtà, a Valeggio sul Mincio, per ammirare la fioritura di un milione di tulipani, che accanto a giacinti, muscari e narcisi colorano prati e boschi, grazie ad oltre 300 varietà tra precoci, medie e tardive , di vari colori dal rosso al giallo, dal viola al bianco.
Appuntamento imperdibile per gli appassionati di fiori e fotografia: il Viale delle Aiuole Fiorite, le aiuole galleggianti rotanti nei Giardini Acquatici e nei Laghetti Fioriti; la balconata fiorita, in deliziose cassette di legno lungo la Passeggiata Panoramica. Una vera e propria distesa colorata e profumata, nei boschi, nei prati, e nei declivi, in forma libera. Belle le fioriere ma affascinanti anche le fioriture spontanee. In questi mesi i manti erbosi sono colorati oltre ch da muscari, giacinti e narcisi, da ampi cespugli di forsizia, da margherite e miosotis.
In queste settimane prunus e viburnus hanno le prime gemme, mentre il Labirinto, composto da 1500 piante di tasso, è sempre verde. Al suo centro si erge una torre che rimanda al parco parigino di Bois de Boulogne. Già attiva la Fattoria degli animali per l’attività didattica: Pecore, caprette, daini attirano bambini festosi!!
Gli adulti si attardano sotto l’Eremo (tempietto in stile neogotico, risalente 1792), nel Boschetto degli Aceri, verso il Castelletto, dove sono ricordati gli scienziati e premi Nobel, ospiti inizio ‘900 al Giardino: G. Domagk (scopritore dei sulfamidici), A. Fleming (scopritore della penicillina), S. A. Waksman (scopritore della streptomicina), Konrad Lorenz (Premio padre dell’etologia) e A. B. Sabin (scopritore del vaccino orale contro la poliomielite), in un dialogo silenzioso con il monumento bronzeo dedicato a Giuseppe Carlo Sigurtà, l’imprenditore che comprò il parco nel 1941 dagli eredi Maffei e nel 1978 lo aprì “Giardino” al pubblico.
Dalla secolare Grande Quercia, Quercia farnia, uno degli gli alberi più antichi, (ha 4 secoli), dalla perfetta armonia tra il tronco (6 m. di circonferenza) e la chioma (120 m. di circonferenza), raggiunge i 40 m. di altezza, posta nell’area più antica del Parco, un sentiero boschivo porta alla Grotta votiva. In stile rocaille con pietre e fossili incastonati, voluta dal marchese Antonio Maffei come rifugio in cui conversare di filosofia, arte, poesia ed amore con gli amici, dal 1942 è diventata una Grotta Votiva dedicata alla Madonna di Lourdes.
Riprendiamo il percorso in salita per raggiungere l’uscita, ricordando ai lettori che le fioriture si alterneranno: dopo i tulipani, da metà aprile a maggio inoltrato fioriranno le peonie e trentamila boccioli di rosa, poi le Liliaceae; in estate dalie, ninfee, e nei diciotto specchi d’acqua, le ortensie, per concludere, in autunno, con il folliage.
Buona visita!!

 

 

 

 

 

Articoli Correlati

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

In Evidenza

Dello stesso argomento

Ultime notizie

Ultimi Video