venerdì, Luglio 19, 2024
HomeManifestazioniAvvenimentiLa multa arriva a cavallo
Un nuovo servizio della Polizia municipale. I vigili controlleranno l’entroterra e l’area a lago

La multa arriva a cavallo

Hanno iniziato ad andare a cavallo i vigili urbani di Toscolano Maderno. Il comandante, Bruno Bordignon, e un agente semplice, Leonardo Di Rosa, ex fotografo ufficiale delle partite del Brescia calcio, si inerpicheranno d’estate per i sentieri dell’entroterra per rilevare abusi edilizi o sorprendere moto da cross su sentieri proibiti. Sul territorio della Comunità montana Parco non è possibile scorazzare a piacimento. Ma c’è sempre qualcuno che scambia l’entroterra per un percorso di guerra. Così, appena possibile, la polizia urbana controlla. Gli animali li fornisce la Scuderia Castello di Giovanni Zambiasi, fratello del missionario rapito in Sierra Leone. «Chissà che in futuro non si decida di svolgere il servizio sul lungolago. Controllando per esempio i borseggiatori sul mercato del giovedì. Un lavoro effettuato in abiti civili, assieme ai carabinieri», spiega Bordignon, che ha presentato il bilancio consuntivo 2000, senza dimenticare l’aiuto ricevuto dai cavalli. Le altre novità. «Tutti gli attraversamenti pedonali sulla 45 bis sono stati illuminati con l’installazione di idonei e ben visibili portali, dotati di faro, con segnale bifacciale. Abbiamo inoltre acquistato un autovelox per contrastare il comportamento degli automobilisti indisciplinati. Il risultato? Una riduzione del 20 per cento degli incidenti. Ricordo che in passato l’investimento dei pedoni era molto frequente. Numerosi anche gli incidenti mortali». C’è poi il discorso riguardante piazza San Marco. L’architetto Beppe Galeri ha redatto il progetto di un sottopasso, ora all’esame dell’Anas. L’obiettivo è di evitare i continui stop al traffico, che provocano code chilometriche, soprattutto la domenica. «Nel periodo estivo, dal 16 giugno al 17 settembre – prosegue il comandante -, abbiamo garantito una vigilanza speciale: serale e notturna fino alle 2 del mattino, e alle 3 nei fine settimana. Con una pattuglia formata da due vigili, in auto o in moto. Il servizio rientrava in un piano di sicurezza finalizzato alla tutela dei turisti, al rispetto della quiete pubblica e alla prevenzione della microcriminalità. Istituito, come detto, anche il pattugliamento a cavallo in zone montane, su sentieri e mulattiere non accessibili ai veicoli, per un controllo più ampio e capillare del territorio. Oltre al gruppo antiborseggio del mercato, che dispone di 124 posti fissi e richiama migliaia di clienti». Nel 2000 sono state accertate 2.875 violazioni al codice della strada, che hanno fruttato 285 milioni. Bisogna aggiungerne dieci per le irregolarità riguardanti le leggi sul commercio o le ordinanze del sindaco. Quindi un totale di (quasi) 300, vale a dire 120 milioni più del ’99. La percentuale di riscossione entro il 31 dicembre si aggira sul 70 per cento. «Abbiamo (da soli) lo stesso numero di agenti, otto più tre stagionali, dell’intero Consorzio, di quando cioè eravamo uniti a Gardone Riviera e a Tignale. Tra le attività svolte, ricordo i trenta controlli edilizi, alcuni su richiesta della procura della Repubblica (rilevate in quattro casi violazioni alle norme urbanistiche, informando l’autorità giudiziaria e amministrativa); le denunce inoltrate per furti o danneggiamenti; la partecipazione alle esercitazioni organizzate dalla Protezione civile coi sommozzatori sul lungolago, i cani di ricerca persone nella Valle della Cartiere e con l’elicottero antincendio a Campei di Cima; l’impegno in tutte le fasi dei trattamenti sanitari obbligatori e l’educazione stradale nelle scuole». Coi mezzi a disposizione, i vigili hanno percorso circa 53 mila chilometri, più del giro del mondo. «Inoltre dobbiamo gestire un notevole lavoro burocratico: verbali, notifiche, invio di atti, accertamenti sugli intestatari dei veicoli. Sarebbe troppo lungo elencare tutte le incombenze dell’ufficio: la ricezione delle segnalazioni delle lampade dell’illuminazione pubblica non funzionanti, la comunicazione all’Enel, le attestazioni sul tatuaggio dei cani, le ordinanze sulla circolazione, le autorizzazioni per l’utilizzo di passi carrai, la sostituzione del messo in caso di necessità. Ci occupiamo anche di gestire il settore commercio», conclude Bordignon.

Articoli Correlati

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

In Evidenza

Dello stesso argomento

Ultime notizie

Ultimi Video