martedì, Luglio 23, 2024
HomeManifestazioniBambiniLimone, opere idrauliche completate per la sicurezza del torrente Pura

Limone, opere idrauliche completate per la sicurezza del torrente Pura

Un territorio di straordinaria bellezza naturale, quello del Parco alto Garda bresciano, ma fatalmente vulnerabile a frane e alluvioni. Agli storici fronti instabili della valle delle Cartiere di Toscolano e della faglia di Tremosine si è aggiunge un po’ in ogni dove l’emergenza delle esondazioni dei torrenti minori che scaricano impetuosi a valle, confermando la continua e per certi versi imprevedibile evoluzione delle criticità censite dall’Istituto superiore per la protezione e la ricerca ambientale.

I LAVORI

Proprio per mitigare i pericoli dei detriti e dei volumi improvvisi di acqua trascinati a valle dai violenti e sempre più frequenti temporali, il Comune di Limone ha da poco ultimato imponenti lavori per il miglioramento della sicurezza al torrente Pura, corso d’acqua che scende a lago alle porte del paese. «Ultimati nei giorni scorsi – sottolinea il vicesindaco Franceschino Risatti in occasione della festa degli alberi ospitata nell’alveo in secca del torrente – i lavori sono stati suddivisi in quattro step e adesso resta da sistemare la parte alta dove è collocato il serbatoio da proteggere».

IL PROGETTO

Il primo lotto è stato finanziato dalla Regione con 421 mila euro più altri 150 mila euro reperiti dal Comune. I lavori hanno migliorato il sistema idraulico del torrente. Il secondo step invece dell’importo di 120 mila euro finanziato per 100 mila da Aipo e 20 mila dal Comune, è servito per la messa in sicurezza del tratto terminale del corso d’acqua. Il terzo pacchetto di opere è stato finanziato dal Governo con 475 mila euro mentre il quarto e ultimo step dei lavori dal costo complessivo di 840 mila euro è stato coperto grazie ad un finanziamento regionale di 640 mila euro e altri 200 mila euro di fondi provenienti dal bilancio comunale.

LA FESTA DEGLI ALBERI

Proprio sulle due sponde del torrente, oltre duecento bambini e ragazzi dell’asilo, scuole medie ed elementari, sono stati protagonisti di un coinvolgente fuori programma: accompagnati dagli amministratori locali e il gruppo locale degli alpini hanno messo a dimora oltre cento piantine di ogni varietà, ripristinando una tradizione ultradecennale, quella della Festa degli alberi interrotta durante la pandemia.

Premiati nell’occasione con una pergamena anche i ventotto bimbi nati negli ultimi cinque anni. Ai loro genitori sono stati intitolati «gli alberi della cicogna», piccole betulle che come per le piante di alloro, rosmarino e altre essenze sempreverdi, sono state piantate su entrambe le sponde dell’alveo del torrente con una targhetta con il nome dei nuovi nati.

Qui potete approfondire la notizia.

English Version
Articoli Correlati

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

In Evidenza

Dello stesso argomento

Ultime notizie

Ultimi Video