I genitori in campo contro l'elettrosmog alle scuole elementari

Consegnata al sindaco una petizione

Di Luca Delpozzo
m.r.

L’avvi­so di garanzia al pres­i­dente del­l’Enel Chic­co Tes­ta, inda­ga­to dal procu­ra­tore Guar­iniel­lo di Tori­no per le onde elet­tro­mag­netiche emesse da decine di elet­trodot­ti ad alta ten­sione, specie in vic­i­nan­za di asili e scuole, ha rida­to vig­ore alle pre­oc­cu­pazioni dei gen­i­tori del­la scuo­la ele­mentare Belvedere. La pre­sen­za di una lin­ea ad alta ten­sione, che attra­ver­sa il gia­rdi­no del­la scuo­la, ave­va cre­ato allarme e pre­oc­cu­pazione per la salute dei bam­bi­ni già lo scor­so anno.Il sin­da­co, attra­ver­so una comu­ni­cazione com­parsa nel­la bacheca del­la scuo­la, ave­va fat­to sapere che l’Enel, inter­pel­la­ta, ave­va sì rispos­to, affer­man­do però che la lin­ea non era di sua com­pe­ten­za, in quan­to gesti­ta da un’al­tra soci­età alla quale rin­vi­a­va l’am­min­is­trazione comu­nale per la richi­es­ta di chiarimenti.Un incon­tro tra i rap­p­re­sen­tan­ti di ques­ta soci­età e il sin­da­co era pre­vis­to per la fine di gen­naio, ma non si è più saputo nul­la. Ora i gen­i­tori sono ori­en­tati a chiedere all’am­min­is­trazione che sia val­u­ta­ta l’ef­fet­ti­va peri­colosità dei campi elet­tri­ci prodot­ti dal­l’elet­trodot­to e che siano pre­si i provved­i­men­ti del caso a tutela del­la salute dei bam­bi­ni e di quan­ti oper­a­no nel­la scuola.La legge sul­l’elet­tros­mog, approva­ta lo scor­so 16 feb­braio, prevede però ben dieci anni per la mes­sa a nor­ma degli impianti già esisten­ti: per alcu­ni un vero con­trosen­so, qualo­ra fos­se ver­i­fi­ca­ta la peri­colosità del­la lin­ea ad alta ten­sione del Belvedere.Dichiara Raf­fael­la Bol­zoni, rap­p­re­sen­tante dei gen­i­tori, che sta curan­do la pre­sen­tazione delle richi­este: «La peri­colosità dei campi elet­tro­mag­neti­ci, in relazione all’in­sorg­ere di leucemie e tumori, mes­sa in luce da molti stu­di sci­en­tifi­ci, ci pre­oc­cu­pa molto. Oggi con­seg­ner­e­mo al diri­gente sco­las­ti­co del­l’Is­ti­tu­to Com­pren­si­vo 1, al sin­da­co e all’asses­sore alla pub­bli­ca istruzione una let­tera fir­ma­ta da tut­ti i dieci rap­p­re­sen­tan­ti dei gen­i­tori del Belvedere, dove chiedi­amo un inter­ven­to urgente al fine di ver­i­fi­care l’ef­fet­ti­va peri­colosità del­la lin­ea gesti­ta da Monte­di­son. Ci auguri­amo una pronta rispos­ta da parte delle autorità competenti».