Danilo Santi fra i Maestri del Lavoro veronesi

01/05/2019 in Attualità
Parole chiave:
Di Sergio Bazerla

Fra i quat­tordi­ci nuovi Maestri del Lavoro verone­si che il 1 mag­gio a Mestre, al teatro Tonio­lo, ricev­er­an­no il brevet­to e la Stel­la al Mer­i­to del Lavoro c’è anche il Diret­tore Gen­erale dei parchi a tema, ovvero del par­co vero e pro­prio e dei due acquari Dani­lo San­ti. Sono com­p­lessi­va­mente 71 i lavo­ra­tori veneti che nel­la Fes­ta del Lavoro ricev­er­an­no dal Prefet­to di Venezia la dec­o­razione del­la Stel­la al Mer­i­to del Lavoro, fra i mille a liv­el­lo nazionale.

Dani­lo San­ti è cit­tadi­no lacisiense da alcu­ni anni pur essendo nato a Man­to­va nel 1960.

E’ entra­to a nel­l’ot­torbe del 1981 quale respon­s­abile del­la comu­ni­cazione pres­so la Direzione mar­ket­ing del Par­co, pas­san­do poi suc­ces­si­va­mente nel feb­braio 1983 alla direzione delle ven­dite con lo svilup­po immag­ine ed orga­niz­zazione logis­ti­ca e ges­tione delle risorse umane nei 54 pun­ti ven­di­ta del par­co.  E’ pas­sato nel feb­braio 2001 alla direzione oper­a­ti­va con l’in­car­i­co di direzione gen­erale dei parchi a tema.

Dopo la Lau­rea in Scien­ze Politiche, da luglio 1987 a otto­bre 1991 è sta­to prod­uct man­ag­er pres­so Bauli spa.

Sono davvero sod­dis­fat­to di questo riconosci­men­to di Mae­stro del Lavoro che il Min­istro del Lavoro ha inte­so con­ferir­mi — spie­ga Dani­lo San­ti — per­chè con­fer­ma il mio impeg­no lavo­ra­ti­vo all’in­ter­no di una grande azien­da qual’è Garda­land da oltre 27 anni. Con me han­no lavo­ra­to molti dipen­den­ti ed alcu­ni dei quali ora rico­prono incar­ichi di respon­s­abil­ità. Anche a loro divo dire gra­zie per questo riconosci­men­to che grat­i­fi­ca anche l’in­tero staff e l’azien­da nel­la sua interez­za.”

Mi com­pli­men­to  con il Diret­tore del par­co di Garda­land Dani­lo San­ti per ques­ta ambi­ta onori­f­i­cen­za — sot­to­lin­ea il sin­da­co Luca Sebas­tiano — per­chè ho avu­to modo più volte di con­frontar­mi con lui e  con­fer­mo  di aver riscon­tra­to la pro­fes­sion­al­ità , la labo­riosità e la disponi­bil­ità del­lo stes­so prote­so ver­so il bene azien­dale ma anche del con­testo sociale in cui opera il grande par­co dei diver­ti­men­ti.”

Ser­gio Baz­er­la

Parole chiave: