Bissoli record tricolore, Goffi a Sydney, Cappa e Maccagnola europee

Dieci anni di trionfi dall’Italia ai Giochi

30/12/2001 in Sport
Parole chiave:
Di Luca Delpozzo

In dieci anni, ha vin­to tut­to quel­lo che pote­va. Tre­cen­tocinquan­ta medaglie, pri­mati a piog­gia. Oltre 150 titoli con­quis­ta­ti in Italia, in Europa e nel Mon­do. L’Avantgarda Desen­zano è sta­ta fino a ieri la soci­età più impor­tante del nuo­to fem­minile. Un club provin­ciale capace di tenere tes­ta alle gran­di cit­tà, di rel­e­gare sui gra­di­ni più bassi del podio Roma e . Il sim­bo­lo dell’Avantgarda fino al ’99 era Francesca Bis­soli. Per anni la più ver­sa­tile ond­i­na d’Italia, nel luglio del 1997 la desen­zanese (classe ’80) è rius­ci­ta a vin­cere agli Asso­lu­ti di Bari ben cinque medaglie d’oro. Solo Novel­la Cal­li­garis ave­va saputo far meglio in una sola edi­zione. Fini­ta l’era del­la Bis­soli, che ha prefer­i­to abban­donare l’attività ago­nis­ti­ca prim’ancora di com­piere 19 anni per dedi­car­si agli stu­di uni­ver­si­tari, l’Avantgarda ha primeg­gia­to in Italia gra­zie a una gen­er­azione fenom­e­nale. Sara Gof­fi (classe ’81), cresci­u­ta nel­la Can­ot­tieri Salò, è esplosa a Desen­zano vin­cen­do titoli ital­iani nel­lo stile libero: spe­cial­iz­za­ta nelle medie dis­tanze (200 e 400), si è piaz­za­ta set­ti­ma con la staffet­ta 4x200 alle Olimpia­di di Syd­ney. Alessan­dra Cap­pa (’82), ond­i­na esplo­si­va e vin­cente nei 50 e nei 100 dor­so, in gara ai Mon­di­ali di Fukuo­ka, si è clas­si­fi­ca­ta otta­va due set­ti­mane fa nei 200 agli Europei di Anver­sa. In Bel­gio si è fer­ma­ta in semi­fi­nale Cristi­na Maccagno­la, 16 anni, da due sta­gioni stel­la ital­iana nel­la far­fal­la: ai recen­ti Europei Juniores di Mal­ta ha mes­so al col­lo l’oro sia nei 50 che nei 100. Tutte queste nuo­ta­tri­ci non gareg­giano più per l’Avantgarda.

Parole chiave: