Sindaci a confronto sul distaccamento dei Vigili del fuoco: la sede a Desenzano

Domani al Palazzo del turismo

Di Luca Delpozzo
Nicola Alberti

Il comi­ta­to pro­mo­tore per l’aper­tu­ra del nuo­vo dis­tac­ca­men­to dei Vig­ili del fuo­co volon­tari di Desen­zano annun­cia di aver fat­to un altro pas­so avan­ti. Sem­bra ormai immi­nente l’in­di­vid­u­azione del­la sede. «Sarà a Desen­zano — spie­ga Alber­to Piz­zoc­co­lo, capo dis­tac­ca­men­to, tra i più tenaci pro­mo­tori del­l’inizia­ti­va — vic­i­na a una delle arterie prin­ci­pali di scor­ri­men­to. Abbi­amo voglia di com­in­cia­re al più presto e si sta val­u­tan­do quali siano le soluzioni logis­tiche e tec­niche migliori». I ragazzi del comi­ta­to pro­mo­tore com­pos­to da Gian­pietro Bre­da, Luca Morel­li, Mas­si­mo Oro, Mar­co Righet­ti, Mar­co Ton­in­celli, oltre al già cita­to Alber­to Piz­zoc­co­lo, han­no l’en­tu­si­as­mo alle stelle, sentono il tra­guar­do vici­no e sbandier­a­no con orgoglio le quar­an­ta ade­sioni ottenute già nel pri­mo incon­tro con i cit­ta­di­ni. Il triste episo­dio di Roma che ha vis­to tre vig­ili del fuo­co morire nel­l’adem­pi­men­to del loro lavoro, sem­bra non aver dimi­nu­ito l’en­tu­si­as­mo iniziale, ma al con­trario averne ali­men­ta­to la voglia di rim­boc­car­si le maniche per fare un tipo di volon­tari­a­to in cui cor­ag­gio, gen­erosità e pro­fes­sion­al­ità diven­tano doti indis­pens­abili. Non è un caso che il lavoro del vig­ile del fuo­co risul­ti nel nos­tro paese, così come in altri, tra quel­li con­tem­po­ranea­mente con­siderati più ris­chiosi e più affasci­nan­ti. Aiutare la gente met­ten­do a ris­chio la pro­pria inco­lu­mità non è un’idea roman­ti­ca rac­chiusa nelle pagine di vec­chi lib­ri, ma è l’essen­za di quel volon­tari­a­to che è l’an­i­ma di una soci­età che forse è molto meno mate­ri­al­ista di quan­to la si voglia dipin­gere. L’idea di un dis­tac­ca­men­to di Vig­ili del fuo­co a Desen­zano piace e la dimostrazione del­la vic­i­nan­za al tra­guar­do, che dovrebbe essere taglia­to già dal­la prossi­ma pri­mav­era, sono le per­sone e le isti­tuzioni che parteciper­an­no all’in­con­tro di domani 10 dicem­bre alle ore 21. Infat­ti ci saran­no i sin­daci di Desen­zano, Lona­to, Padenghe, Poz­zolen­go, Sirmione, i mem­bri del comi­ta­to pro­mo­tore, alcu­ni espo­nen­ti politi­ci e del­l’am­min­is­trazione desen­zanese che han­no sostenu­to l’inizia­ti­va, ma anche il coman­dante provin­ciale dei Vig­ili del fuo­co di Bres­cia, l’ingeg­n­er Lui­gi Bis­car­di e il grande uffi­ciale com­menda­tore Gino Gronchi, pres­i­dente del­l’as­so­ci­azione nazionale Vig­ili del fuo­co, men­tre a mod­er­are il dibat­ti­to sarà il dot­tor Anto­nio Rovere. L’ap­pun­ta­men­to è quin­di al Palaz­zo del tur­is­mo con l’aus­pi­cio dei mem­bri del Comi­ta­to pro­mo­tore di pot­er avere numerose nuove ade­sioni per real­iz­zare un prog­et­to fon­da­men­tale per la sicurez­za di tut­ti noi.