Il corteo partito lunedì da Malcesine è giunto a Roma dove ha incontrato il capo dell’ufficio della presidenza del Consiglio. Il funzionario ha promesso l’aiuto di Berlusconi per il Centro poliomielitici

I disabili arrivano al traguardo

07/05/2005 in Attualità
Parole chiave:
Di Luca Delpozzo
Gerardo Musuraca

Dis­abili in cor­teo a Roma dal pres­i­dente del Con­siglio per rilan­cia­re l’ospedale di Mal­ce­sine e chiedere l’istituzione del Cen­tro nazionale per lo stu­dio e la cura degli esi­ti del­la poliomielite. Si è con­clusa con un col­lo­quio dinanzi a Palaz­zo Chi­gi col capo dell’ufficio del­la Pres­i­den­za del Con­siglio, Valenti­no Valen­ti­ni, nel­la tar­da mat­ti­na­ta di ieri la staffet­ta in car­rozzel­la orga­niz­za­ta dall’Aidm, l’associazione inter­re­gionale dei dis­abili motori gui­da­ta da Rober­to Bassi. Ci sarebbe dovu­to essere Berlus­coni a rice­vere i dis­abili ma poi, per il pro­trar­si del Con­siglio dei min­istri e per la visi­ta del capo di sta­to del Sudafrica, Berlus­coni ha del­e­ga­to il fun­zionario del­la pres­i­den­za. Par­ti­ta da Mal­ce­sine lunedì scor­so, la carovana ha attra­ver­sato Verona, Bologna, Firen­ze, Assisi, Peru­gia per arrivare ieri mat­ti­na nel­la cap­i­tale. Così, da piaz­za Venezia, ai pie­di dell’altare del­la Patria, scor­ta­to da moto del­la polizia e uomi­ni del­la Digos, il cor­teo for­ma­to da un centi­naio di dis­abili prove­ni­en­ti da tut­ta Italia, vesti­ti con l’ormai famosa t‑shirt con la scrit­ta «Bar­col­lo ma non mol­lo» e muni­ti del cap­pelli­no gial­lo dell’Aidm, ha rag­giun­to Palaz­zo Chi­gi. Sulle sedie a rotelle e nelle sette auto­mo­bili con bandier­ine, altopar­lan­ti e striscioni col­orati, anche i fal­doni con­te­nen­ti le 55.599 firme del­la petizione, rac­colte in cir­ca due mesi, a sosteg­no del­la richi­es­ta di isti­tuire il Cen­tro nazionale per la poliomielite. Alla tes­ta del cor­teo il sin­da­co di Mal­ce­sine Giuseppe Lom­bar­di, con tan­to di fas­cia tri­col­ore sopra la magli­et­ta gial­la dell’Aidm, e l’assessore ai del Comune di Bren­zone Lil­iana Stiglioni. Una cinquan­ti­na le per­sone par­tite in pull­man nel­la notte di giovedì da Mal­ce­sine. «La nos­tra è una man­i­fes­tazione ecla­tante», ha det­to Bassi, «che vuole sen­si­bi­liz­zare l’opinione pub­bli­ca e il gov­er­no sul­la neces­sità di creare il Cen­tro per i poliomieliti­ci e accel­er­are l’Inail sull’atto di com­praven­di­ta dell’ospedale. I ritar­di clam­orosi di ques­ta vicen­da stan­no minan­do la fun­zion­al­ità del­la strut­tura san­i­taria, l’unica ad occu­par­si in Italia dei prob­le­mi con­nes­si alla poliomielite, con il con­tin­uo impov­er­i­men­to dei servizi offer­ti». Alle 14, dopo tre ore di atte­sa che per­al­tro non han­no mina­to la volon­tà dei dis­abili di andare fino in fon­do, a rac­cogliere le loro istanze è arriva­to il capo dell’ufficio di pres­i­den­za. Dopo esser­si scusato per avere fat­to atten­dere i dis­abili, Valen­ti­ni ha garan­ti­to che coin­vol­gerà il pres­i­dente Berlus­coni per­ché eserci­ti pres­sioni nei con­fron­ti del­la e del Min­is­tero del­la Salute per cer­care di con­durre in por­to tan­to l’istituzione del Cen­tro per i poliomieliti­ci, quan­to il ripoten­zi­a­men­to del­la strut­tura san­i­taria. Anche il sin­da­co di Mal­ce­sine, riv­ol­gen­dosi al fun­zionario del­la pres­i­den­za, ha chiesto che il prob­le­ma ven­ga affronta­to urgen­te­mente. Poi, per evitare che le promesse del fun­zionario del­la pres­i­den­za potessero rimanere solo buone inten­zioni Rober­to Bassi si è fat­to dare i recapi­ti di Valen­ti­ni, e si è det­to pron­to a con­tat­tar­lo diret­ta­mente per pros­eguire il dial­o­go, se non arriver­an­no le risposte promesse. Così, cari­co dei fal­doni con le firme, Valen­ti­ni è scom­par­so dietro il por­tone di Palaz­zo Chi­gi e il cor­teo si è sci­olto. Durante la mat­ti­na­ta una del­egazione dei dis­abili motori è rius­ci­ta anche a incon­trare il diret­tore dell’ufficio pat­ri­mo­nio dell’Inail, l’architetto Anto­nio Napo­le­tano. Il fun­zionario ha dichiara­to che l’iter per la com­praven­di­ta dell’ospedale sta andan­do avan­ti. «Ques­ta mat­ti­na (ieri per chi legge, ndr) ho con­seg­na­to al Con­siglio dei min­istri le schede per il bilan­cio bien­nale dell’ente, in cui è com­pre­sa anche la prat­i­ca dell’ospedale», ha det­to. «Se ver­rà approva­to il bilan­cio, anche il denaro stanzi­a­to per l’operazione sarà confermato».

Parole chiave: