Il titolare si era accordato con l’ospedale, proprietario del terreno. La zona, sotto il viadotto ferroviario, «non è in grado di sopportare l’impatto»

La Giunta nega l’area ad un circo

Di Luca Delpozzo
m.to

Brac­cio di fer­ro tra un cir­co equestre e il Comune di Desen­zano. Mal­gra­do la strut­tura circense abbia chiesto ed ottenu­to dall’azienda ospedaliera di Desen­zano di occu­pare una sua area sit­u­a­ta in via Mez­zo­colle, ai pie­di del viadot­to fer­roviario, la Giun­ta comu­nale pri­ma e il coman­do di Polizia Urbana poi han­no nega­to l’utilizzo dell’area per motivi di via­bil­ità e per l’assenza di posteg­gi. La licen­za tem­po­ranea per lo svol­gi­men­to degli spet­ta­coli dal 20 al 25 aprile, richi­es­ta dal «Cir­co delle Stelle», sec­on­do quan­to rifer­i­to dalle autorità comu­nali, non può essere accol­ta per­ché «la man­i­fes­tazione deter­mi­na evi­den­te­mente un sicuro impat­to neg­a­ti­vo sul ter­ri­to­rio e sul­la zona res­i­den­ziale cir­costante, già in pre­cario equi­lib­rio e non in gra­do di sop­portare il plus di traf­fi­co ed inquina­men­to acus­ti­co che si viene a creare». «Man­cano inoltre total­mente — pros­egue il Comune — spazi attrez­za­ti alla sos­ta dei veicoli, con il ris­chio di riper­cus­sioni neg­a­tive sul­la tran­sitabil­ità di una pri­maria via d’accesso al cen­tro di Desen­zano (via Mez­zo­colle è la stra­da che col­le­ga il cen­tro allo svin­co­lo del­la tan­gen­ziale e a S. Pietro-Cen­te­naro-Vac­caro­lo, ndr.)». Per Bruno Niemen, tito­lare del cir­co di Ver­cel­li, una brut­ta tego­la. Il cir­co infat­ti dovrebbe arrivare sul lago il 18 aprile. L’area inter­es­sa­ta è quel­la di pro­pri­età dell’ospedale di Desen­zano, che ave­va con­ces­so l’autorizzazione, pre­vio paga­men­to di una cauzione.