Domani il progetto sarà comunicato ai primi cittadini e a fine mese sarà trasmesso in Regione, all’assessore Chisso

La Provincia ha il pianoche sostituisce l’Affi-Pai

26/03/2008 in Attualità
A Affi
Parole chiave:
Di Luca Delpozzo
Annamaria Schiano

La Provin­cia ha con­vo­ca­to i sin­daci del -Gar­da per domat­ti­na alle 10.30 per pre­sentare il piano via­bilis­ti­co del­la zona. «Sono sta­ti indi­vid­uati e anal­iz­za­ti i per­cor­si per val­oriz­zare al meglio la poten­zial­ità dell’attuale Sr 450 (super­stra­da Affi-Cav­al­caselle), come arte­ria dis­trib­utrice del traf­fi­co diret­to ai cen­tri riv­ieraschi. È quin­di impor­tante un’analisi con­giun­ta di questo lavoro, per per­fezionare la pro­pos­ta da pre­sentare alla Regione». «I risul­tati di ques­ta riu­nione», con­clude la let­tera del­la Provin­cia, «saran­no con­seg­nati all’assessore regionale alle infra­strut­ture Rena­to Chisso, lunedì 31 marzo».La con­vo­cazione è sta­ta accol­ta favorevol­mente, ma anche con qualche malu­more. Il pri­mo cit­tadi­no di Coster­mano e capofi­la dei sin­daci, Fioren­zo Loren­zi­ni, non aven­do avu­to più notizie sul­la prog­et­tazione in Provin­cia, ave­va il 12 mar­zo ha invi­a­to una let­tera all’assessore provin­ciale alla Luca Sebas­tiano, per avere infor­mazioni. «Non ho rice­vu­to rispos­ta», sot­to­lin­ea, «e ora arri­va ques­ta con­vo­cazione. Ma dopo la pri­ma riu­nione in cui abbi­amo spie­ga­to le nos­tre esi­gen­ze, non ci siamo più riu­ni­ti, non ci è sta­to comu­ni­ca­to chi fos­se il tec­ni­co incar­i­ca­to di redi­gere il piano, né conos­ci­amo le soluzioni. Riten­go si sareb­bero dovu­ti svol­gere altri incon­tri, per val­utare insieme il prog­et­to finale. Ora ci tro­vi­amo solo a doverne pren­dere atto».«Noi abbi­amo dato un ruo­lo di capofi­la alla Provin­cia», sot­to­lin­ea il sin­da­co di Coster­mano, «e ci aspet­te­va­mo un coor­di­na­men­to più inten­so. Dopo sette mesi di battaglie, era gius­to trovar­ci anco­ra. Il mio Comune ha pre­sen­ta­to due pro­poste: una roton­da ad Albarè, per cui abbi­amo incar­i­ca­to a nos­tre spese per ridurre i tem­pi un tec­ni­co per la prog­et­tazione, già con­seg­nat­aci; e un “pas­sante” a Cas­tion per con­vogliare il traf­fi­co da Mar­ci­a­ga e ver­so il lago oltre il paese. Adesso non sap­pi­amo se la pro­pos­ta sia sta­ta inseri­ta nel piano». Con­clude: «Dob­bi­amo aspettar­ci qualche altra sor­pre­sa dal­la Regione, vis­to che non capi­amo la sca­den­za del 31, poiché la legge finanziaria regionale 2008 ha pre­vis­to che la giun­ta riti­rasse il project-financ­ing del­la Affi-Pai?».Anche il sin­da­co di Affi Rober­to Bonomet­ti, cen­tro nodale del­la via­bil­ità dell’area, non pare sod­dis­fat­to: «La con­vo­cazione è in lin­ea con ciò che ci aspet­tava­mo. Capis­co la fret­ta ma mi pare che dis­cutere una cosa così impor­tante il giorno pri­ma che sia pre­sen­ta­to il piano in Regione, sen­za dare la pos­si­bil­ità a noi sin­daci di dis­cutere la pro­pos­ta coi nos­tri tec­ni­ci e nel­la nos­tra giun­ta, sia poco serio. È vero che il prog­et­to dovrebbe sin­te­tiz­zare le richi­este di noi sin­daci, ma così andremo solo a pren­dere atto di un piano igno­to nei det­tagli». Gli inter­ven­ti che Affi ha chiesto vengano inser­i­ti, spie­ga il sin­da­co, «sono impor­tan­ti e onerosi, ma indis­pens­abili per risol­vere i prob­le­mi via­bilis­ti­ci dell’entroterra garde­sano. Abbi­amo pro­pos­to quin­di un sot­topas­so alla provin­ciale 9 di Costa­bel­la, all’altezza del semaforo del cimitero. Ciò per dividere il traf­fi­co di lun­ga per­cor­ren­za, ind­i­riz­zan­do­lo in tun­nel, da quel­lo locale che rimar­rebbe in super­fi­cie. Le auto in usci­ta dal casel­lo autostradale, poi, dovran­no sbu­care sul­la grande roton­da che col­le­ga diret­ta­mente la Sr 450».Luca Sebas­tiano, asses­sore provin­ciale alla via­bil­ità, incar­i­ca­to di coor­dinare la sin­te­si delle pro­poste dei sin­daci, smorza le pre­oc­cu­pazioni. «La Provin­cia ha pre­so un impeg­no coi sin­daci e l’assessore Chisso, per il prog­et­to di riqual­i­fi­cazione via­bilis­ti­ca. L’esserci trovati con i pri­mi cit­ta­di­ni per elab­o­rare un piano infra­strut­turale gen­erale, nasce­va dal vol­ere di rispettare questo accor­do. Dato che non abbi­amo più la minac­cia del­la Affi-Pai, abbi­amo potu­to rac­cogliere le pro­poste che la sos­ti­tu­is­cono. Il nos­tro piano è la ripropo­sizione di tutte le richi­este dei sin­daci». Poi tran­quil­liz­za: «La data del 31 mar­zo non è per­en­to­ria: i sin­daci pren­der­an­no visione del piano e se ne dis­cuterà. Se qual­cuno riter­rà che le pro­prie indi­cazioni non siano rispet­tate, lo farà pre­sente e si potrà anco­ra inter­venire con modifiche».Sulla Affi-Cav­al­caselle, che molti temono diven­ga a pedag­gio per finanziare la riqual­i­fi­cazione viaria, l’assessore pre­cisa: «Sul­la Sr 450 vogliamo solo poten­ziare i pet­ti­ni esisten­ti. Non sono d’accordo neanch’io per il paga­men­to. La bretel­la di è nel piano tri­en­nale del­la Regione e sem­bra già finanzi­a­ta, ma è solo una delle pri­or­ità, con altre. Domani sot­to­por­re­mo il piano a tut­ti e sono cer­to che non tro­ver­an­no diver­gen­ze dalle loro pro­poste» con­clude Sebastiano.

Parole chiave:

Commenti

commenti