Lago di Garda: ispezioni subacquee alla condotta per garantirne la tenuta

Parole chiave:
Di Redazione

Nell’imminenza del­la stesura del prog­et­to finale per il nuo­vo sis­tema di col­let­ta­men­to e depu­razione del lago di Gar­da, prog­et­to per il quale ver­rà avvi­a­to anche l’apposito iter di finanzi­a­men­to pub­bli­co, SpA ha deciso di ver­i­fi­care lo sta­to di salute dell’esistente col­let­tore sub lacuale che unisce Toscolano Mader­no e Tor­ri del Bena­co, sull’opposta spon­da veneta.

Non si trat­ta di un inter­ven­to per eseguire even­tu­ali riparazioni lun­go la con­dot­ta lacuale, ma soltan­to a carat­tere di prevenzione.

Dunque, nei prossi­mi giorni si potran­no vedere all’opera spe­cial­isti di set­tore e som­moz­za­tori che eseguiran­no le ispezioni del caso per poi sti­lare una “diag­nosi” pre­cisa, por­tan­do alla luce even­tu­ali crit­ic­ità e, con­tes­tual­mente, fornire una sti­ma sul­la dura­ta del­la grande infra­strut­tura sub lacuale.

Ogni oper­azione, dunque, è con­dot­ta a tutela del­la salute dell’ambiente e a dife­sa dell’industria tur­is­ti­ca del lago di Garda.

 

 

 

Parole chiave: