Dopo un incontro tra Cipani e i dirigenti

Le banche offrono condizioni agevolate

05/01/2005 in Attualità
A Salò
Parole chiave:
Di Luca Delpozzo
Sergio Zanca

In un incon­tro svoltosi a Salò tra il sin­da­co e i diret­tori delle banche locali, questi ulti­mi han­no dato piena disponi­bil­ità a con­cedere dilazioni, pro­roghe ed even­tu­ali rimod­u­lazioni delle sca­den­ze legate a speci­fiche neces­sità dei cit­ta­di­ni col­pi­ti dal ter­re­mo­to, che ave­vano già ottenu­to finanzi­a­men­ti. Per quan­to riguar­da nuovi mutui per la riparazione dei dan­ni, la Valsab­bina offre due soluzioni. Presti­ti chi­rogra­fari, cioè sen­za ipote­ca, fino a 75 mila euro per le imp­rese e 50 mila per i pri­vati, con dura­ta di 7 anni; ipote­cari fino a 150 mila per le aziende e 100 mila ai pri­vati, con dura­ta di 10 anni. Tas­so pari all’Euri­bor a tre mesi (oggi è del 2,20%), arro­tonda­to allo 0,10 supe­ri­ore. Resti­tuzione a rate men­sili pos­tic­i­pate costan­ti. Nes­suna spe­sa di istrut­to­ria e di ges­tione, nes­suna penale in caso di estinzione antic­i­pa­ta. Pla­fond stanzi­a­to: 15 mil­ioni di euro. Ban­ca Inte­sa. Per dan­ni sino a 50 mila euro finanzi­a­men­ti chi­rogra­fari, mas­si­mo 60 mesi, inter­esse vari­abile in base all’Euri­bor a un mese (ora è del 2,20%) mag­gio­ra­to del­lo 0,90% . Ter­mine mas­si­mo di erogazione: il 31 mar­zo 2005. Per dan­ni ril­e­van­ti, invece, mutuo ipote­cario, con dura­ta da 5 a 30 anni. Per le imp­rese, mutui chi­rogra­fari fino a 75 mila euro, mas­si­mo 60 mesi, iden­ti­co tas­so dei pri­vati, con­ces­sione entro il 31 gen­naio. Popo­lare di Son­drio. For­mu­la del pre­fi­nanzi­a­men­to, in atte­sa delle provvi­den­ze del­lo Sta­to o del­la Regione. Dura­ta mas­si­ma: 18 mesi. Tas­so vari­abile, in base all’Euri­bor a tre mesi + 0,25%. Rim­bor­so trimes­trale degli inter­es­si. Ter­mine di pre­sen­tazione delle domande: 30 giug­no. Ban­co di Bres­cia. Ha mes­so a dis­po­sizione un pri­mo stanzi­a­men­to di dieci mil­ioni di euro. Mutuo pari al 100% del dan­no denun­ci­a­to in comune, tas­so Euri­bor a sei mesi (oggi è del 2,25%), dura­ta 5 anni, nes­suna spe­sa di istrut­to­ria. Cred­i­to coop­er­a­ti­vo (Bedi­z­zole, Tura­no, Valvesti­no). For­mu­la clas­si­ca: richi­es­ta mas­si­ma di 50 mila euro, sen­za iscrizione di ipote­ca, tas­so Euri­bor a tre mesi, rata men­sile, dura­ta fino a dieci anni, spese per la prat­i­ca 30 euro, sen­za oneri per estinzione antic­i­pa­ta. For­mu­la plus: impor­ti supe­ri­ori a 50 mila euro, con ipote­ca, dura­ta fino a 20 anni, inter­esse Euri­bor a tre mesi + 0,90%, rata men­sile, spese iniziali 50 euro + com­mis­sione, sen­za oneri per estinzione antic­i­pa­ta. Bipop nvece ha deciso di trattare per­sonal­mente con ogni cit­tadi­no richiedente, prat­i­can­do con­dizioni migliori rispet­to all’abituale.

Parole chiave:

Commenti

commenti