Turismo e spettacolo di casa all’ex Bazoli Il palazzo ospiterà l’Ufficio unico delle manifestazioni

L’edificio dell’Itc torna comunale

09/03/2004 in Cultura
Di Luca Delpozzo
Maurizio Toscano

Da oggi il Comune di Desen­zano rien­tra nel pieno pos­ses­so del­l’im­mo­bile di via Bagat­ta che fino a due mesi fa era occu­pa­to dal­l’is­ti­tu­to tec­ni­co com­mer­ciale «Bazoli», in via car­duc­ci pro­prio dirimpet­to al Munici­pio. Il pri­mo atto di que­sa «pre­sa di pos­ses­so» è la dis­lo­cazione nei locali al piano ter­ra del­l’Uf­fi­cio Uni­co delle Man­i­fes­tazioni che, come spie­ga l’asses­sore Maria Vit­to­ria Papa, accor­perà tutte le fun­zioni e tut­ti i servizi che pri­ma era­no un po’ fram­men­tati in diver­si uffi­ci: tur­is­mo, cul­tura eccetera. Sul «palaz­zone» di via Car­duc­ci, a dire il vero, ave­va mes­so l’oc­chio la Provin­cia, che fino al 2003 l’ave­va avu­to in uso per gestire le attiv­ità sco­las­tiche di uno dei più impor­tan­ti isti­tu­ti com­mer­ciali del Bres­ciano, appun­to il «Bazoli», mez­zo sec­o­lo di vita fes­teggia­to un paio d’anni fa. Poi, però, con il trasfer­i­men­to del­la scuo­la nel nuo­vo com­p­lesso di via Giot­to, l’im­mo­bile che si tro­va dirimpet­to al Comune è sta­to legit­ti­ma­mente riven­di­ca­to dal­la giun­ta Pien­az­za, che ci vuole met­tere nuovi uffi­ci. E il pri­mo a fare il suo ingres­so è appun­to l’Uf­fi­cio delle man­i­fes­tazioni. Nei prossi­mi mesi ne seguiran­no sicu­ra­mente degli altri, tra cui sem­bra la sede del­la Polizia Munic­i­pale. Tut­tavia, la novità di rilie­vo è rap­p­re­sen­ta­ta dal­l’idea del­l’asses­sore Papa e del­la giun­ta di unifi­care in un’u­ni­ca strut­tura comu­nale tut­to quel che ver­rà gesti­to per man­i­fes­tazioni, spet­ta­coli, feste popo­lari, con­cer­ti musi­cali. «Questo — sot­to­lin­ea Maria Vit­to­ria Papa — servirà a garan­tire un mag­gior coor­di­na­men­to ed una migliore qual­ità del servizio. È un’idea che fa parte del pro­gram­ma del­la giun­ta che gov­er­na Desen­zano: c’era bisog­no che le man­i­fes­tazioni in agen­da in tut­to l’ar­co del­l’an­no venis­sero gestite da un uni­co uffi­cio, anche per evitare sovrap­po­sizioni. Il palaz­zo del Tur­is­mo, invece, resterà sede isti­tuzionale per ospitare con­gres­si e con­feren­ze». Desen­zano, fra l’altro, intende poten­ziare ulte­ri­or­mente il pro­prio cartel­lone di man­i­fes­tazioni, sia in inver­no che in estate quan­do i tur­isti vi sog­gior­nano in grande numero. Gra­zie all’uf­fi­cio uni­co non ci saran­no più sovrap­po­sizioni o scol­la­men­ti: di sicuro l’or­ga­niz­zazione e l’alles­ti­men­to degli even­ti ne trar­ran­no ben­efi­cio. E con loro gli oper­a­tori tur­is­ti­ci ed i tur­isti che spes­so si sono lamen­tati per una pre­sun­ta «povertà» di inizia­tive. In questi mesi, intan­to, sta andan­do con il ven­to in pop­pa la sta­gione concertistica.