E i clienti dell’osteria fanno... il calendario

L’incasso devoluto all’Anffas

Parole chiave: - -
Di Luca Delpozzo
Enrico Dugoni

Un cal­en­dario da oste­ria. Può sem­brare stra­no che a Desen­zano ci sia anco­ra gente che fre­quen­ta l’osteria. Forse è più stra­no che esista anco­ra, vis­to l’imperversare del fast food. Il ritro­vo di per­sone per uno scam­bio di com­men­ti, opin­ioni e bat­tute avviene anco­ra e solo per il gus­to di ritrovar­si in un ambi­ente sereno, con in mano un traspar­ente bic­chiere di bian­co. È prob­a­bile che sia sta­to pro­prio un bianchi­no sobrio a far nascere un fat­to diver­so dal soli­to e niente affat­to banale. Dis­cu­ten­do dei soli­ti cal­en­dari pieni di star­lette alcu­ni avven­tori, gra­zie a un bra­vo fotografo, han­no dato vita al cal­en­dario Desen­zano 2001: immag­i­ni del­la cit­tad­i­na odier­na e degli avven­tori delle oste­ria del­la Piazzetta, di via Castel­lo, di piaz­za Garibal­di. Desen­zano 2001 illu­mi­na angoli con­sueti di nuo­va vital­ità, angoli dove si pas­sa tut­ti i giorni, ma che non si vedono per­chè gli occhi guardano oltre. Ma questi angoli sono lì da sem­pre a osser­vare tut­ti i pas­sag­gi e a lan­cia­re occa­sioni di tes­ti­mo­ni­an­za di vita. Sono lì anco­ra oggi a tentare, a provo­care un ricor­do pieno del­la ric­chez­za del­la vita. Le splen­dide foto del cal­en­dario sono di Roberti­no Tom­masi, i brani delle can­zoni che le «accom­pa­g­nano» sono del mae­stro , le didas­calie dialet­tali sono del Righù. I sol­di rac­colti dal­la ven­di­ta del cal­en­dario sono andati tut­ti in benef­i­cen­za all’. Enri­co Dugoni

Parole chiave: - -