Verrà collocata anche una statua dedicata al beato Padre Pio

Lonato, torna a splendere la chiesetta della Disciplina

05/05/2001 in Religione
Di Luca Delpozzo
Roberto Darra

Oggi, Saba­to 5 mag­gio, in occa­sione del sec­on­do anniver­sario del­la beat­i­fi­cazione di Padre Pio da Pietrel­ci­na, una stat­ua del frate sarà benedet­ta e quin­di col­lo­ca­ta nel­la chiesa del­la Dis­ci­plina di Lona­to, rad­i­cal­mente restau­ra­ta per ridi­ventare luo­go di preghiera, dopo anni e anni di abban­dono e di totale degra­do (era sta­ta ridot­ta a mag­a­zz­i­no). La cer­i­mo­nia è pre­vista nel pomerig­gio, alle 16.30. I lavori sono costa­ti alla par­roc­chia cir­ca 260 mil­ioni. Di ques­ta pic­co­la chiesa, annes­sa alla basil­i­ca minore, con ingres­so da via Repub­bli­ca, non si han­no dei pre­cisi rifer­i­men­ti stori­ci; di cer­to l’epoca di edi­fi­cazione è antecedente alla costruzione del­la basil­i­ca di San Gio­van­ni Bat­tista (il cui inizio lavori è data­to 1738). Il nome attuale «cap­pel­la dei Dis­ci­pli­ni» deri­va da una sem­pli­fi­cazione del lin­guag­gio locale per­ché tale chiesa non è mai appartenu­ta alla con­fra­ter­ni­ta dei Dis­ci­pli­ni. Nel libro «La con­fra­ter­ni­ta dei Dis­ci­pli­ni nel­la chiesa del Cor­lo in Lona­to» scrit­to da mons. Alber­to Piazzi, già par­ro­co di Lona­to, si mette in rilie­vo che fra le opere isti­tuzion­ali di quel­la con­gregazione vi era l’assistenza alla sepoltura dei mor­ti. Il restau­ro del pic­co­lo tem­pio è sta­to cura­to dall’architetto Giulio Sig­urtà, che ha dovu­to met­ter mano, per il pes­si­mo sta­to di con­ser­vazione, alle pareti interne, al tet­to, ai pavi­men­ti e agli intonaci esterni. I lavori han­no investi­to anche l’impianto elet­tri­co, quel­lo di riscal­da­men­to col­lo­ca­to a pan­nel­li radi­anti sot­to il pavi­men­to, la bus­so­la di ingres­so. Inoltre sono state pulite tutte le opere lapidee esterne ed interne. Un restau­ro a tut­to cam­po, dura­to diver­si mesi. «I gio­vani avran­no la gioia di sco­prire — spie­ga il par­ro­co mons. Giuseppe Boaret­to — un nuo­vo luo­go di preghiera e di incon­tro, un’altra bel­la chiesa accan­to alle altre belle chiese di Lona­to. Col­go l’occasione offer­ta da Bres­ciaog­gi per ringraziare tutte le per­sone e famiglie che han­no con­tribuito con le offerte, con la prog­et­tazione e con il loro lavoro al restau­ro e all’arredo del­la chiesa. «Sono con­vin­to di avere inter­pre­ta­to il deside­rio dei fedeli lonate­si, tan­to affezionati alla loro chieset­ta, come sono altret­tan­to con­vin­to di aver recu­per­a­to un notev­ole pez­zo stori­co, artis­ti­co al pat­ri­mo­nio del­la par­roc­chia. Vor­rei inoltre ras­si­cu­rare tut­ti gli offer­en­ti che la preghiera quo­tid­i­ana, sec­on­do le loro inten­zioni e per i loro defun­ti, con­tin­uerà e ogni ven­erdì una mes­sa sarà cel­e­bra­ta nel­la Dis­ci­plina, sec­on­do le inten­zioni degli offer­en­ti e per i loro cari defun­ti». Da sot­to­lin­eare infine il lavoro svolto da Ange­lo Busac­chi­ni, pit­tore pro­fes­sion­ista, che ha dip­in­to la pala dell’altare del­la cappella.