La rocca di Manerba del Garda sarà Riserva Naturale

Di Luigi Del Pozzo

Ver­rà riconosci­u­ta uffi­cial­mente l’area di tutela che include ben 114 ettari di ter­ri­to­rio costiero e altri 86 ettari di spec­chio d´acqua da Por­to Dusano fino a Pisen­ze. Il Con­siglio Regionale di mart­edì 10 giug­no approverà la deliberà cos­ti­tu­ti­va del­la Ris­er­va nat­u­rale del­la Roc­ca, del Sas­so e par­co lacuale.

Ho segui­to sin dal­la sua pre­sen­tazione in Regione la pro­pos­ta di delib­er­azione con­sil­iare affinché l’iter cos­ti­tu­ti­vo del­la nuo­va ris­er­va nat­u­rale si con­cludesse pos­i­ti­va­mente – spie­ga l’assessore regionale al tur­is­mo Mau­ro Paroli­ni -. Vi sono sul Lago di Gar­da aree impor­tan­ti sot­to il pro­fi­lo ambi­en­tale, pae­sag­gis­ti­co e stori­co che devono essere adeguata­mente tute­late nel­l’in­ter­esse degli abi­tan­ti, dei tur­isti e degli oper­a­tori eco­nomi­ci.”

L’area pro­tet­ta si estende per l’at­tuale e Nat­u­ral­is­ti­co del­la Roc­ca e del Sas­so, dal ver­san­ti del Monte Re sino alle aree agri­cole tra Mon­tinelle e San Gior­gio.

Tale area sarà sot­to­pos­ta ad una tutela ambi­en­tale impor­tante oggi ris­er­va­ta sola­mente ad alcune zone marine pro­tette. Questo com­porterà tra le varie pre­scrizioni il divi­eto di a motore, men­tre sarà con­sen­ti­ta la nav­igazione a vela e a remi.

Questo per­ché il provved­i­men­to inter­es­sa uno degli ambi­en­ti più sug­ges­tivi e attrat­tivi del  lago di Gar­da. Si pen­si che gli inse­di­a­men­ti in ques­ta zona verde che cade a pic­co sul lago ha atti­ra­to l´uomo dal­la preis­to­ria fino al XVI sec­o­lo.

Il provved­i­men­to —  con­clude l’assessore Paroli­ni – non chi­ude un’area ma ne garan­tisce piut­tosto la tutela incen­ti­van­done l’accessibilità.”