Tunnel e ponte sono i fiori all’occhiello

Sul Chiese per 260 metri

Parole chiave:
Di Luca Delpozzo
f.mar.

La sto­ria dei lavori alla vari­ante di Ponte San Mar­co ha oltre 15 anni. Il prog­et­to di rac­cor­do del­la ex Ss11 risale infat­ti al 1990. Il cantiere fu aper­to due anni dopo. Si trat­ta­va di col­le­gare Bres­cia al in modo rapi­do, gra­zie ad una bretel­la che si svilup­pa tra Cal­ci­natel­lo e la zona sud di Cam­pag­no­la per ricon­giunger­si con l’altro tron­co del­la Padana Supe­ri­ore non dis­tante da Bet­tole di Lona­to. Dopo un infini­to susseguir­si di per­izie e con­tro per­izie, prob­le­mi logis­ti­ci, ricer­ca dei fon­di, il cos­to dell’importante opera pub­bli­ca è lievi­ta­to, nel cor­so dei 13 anni di cantiere, dai 13,9 mil­ioni di euro iniziali ai cir­ca 30 finali. Ma da ieri gli auto­mo­bilisti pos­sono final­mente viag­gia­re su una uni­ca arte­ria tra Ospi­talet­to e Desen­zano. Dall’incrocio con la Gavar­di­na fino alla local­ità Caselle la nuo­va stra­da ha richiesto mol­ta atten­zione, soprat­tut­to per lo sca­vo del­la gal­le­ria arti­fi­ciale di 1260 metri, che inizia nel­la frazione Cam­pag­no­la di Bedi­z­zole e ter­mi­na in local­ità San Marchi­no. Oltre alla gal­le­ria, è sta­ta impeg­na­ti­va anche la real­iz­zazione di un nuo­vo ponte sul fiume Chiese (lun­go 260 metri) e di due gran­di svin­coli, uno in local­ità Bertag­no e un’altro in zona Caselle. La con­seg­na dell’opera era molto atte­sa dagli abi­tan­ti di Ponte San Mar­co: il cen­tro abi­ta­to non sarà più sof­fo­ca­to dal traffico

Parole chiave: