Iniziativa per sensibilizzare.
«C’è bisogno di te»: l’invito diffuso su 35mila esemplari

Un bicchiere Avis per bere vino e donare sangue

18/03/2008 in Attualità
Parole chiave: -
Di Luca Delpozzo
B.B.

Il fa buon sangue. Ma, quan­do si vuole pro­muo­vere il dono del sangue e brindare vera­mente alla salute, bisogna far­lo con il «Bic­chiere avisi­no», su cui sta scrit­to « Coster­mano: c’è bisog­no di te». E’ ques­ta l’idea pro­mossa dall’Avis (Asso­ci­azione volon­tari ital­iani sangue ) «Emidio Marin» che, anche quest’anno, dis­tribuirà migli­a­ia di bic­chieri di plas­ti­ca che sol­lecitano chi­unque a far­si dona­tore. Il pres­i­dente Fran­co Comenci­ni lo ha comu­ni­ca­to tramite il suo vice, Ren­zo Truschel­li, all’assemblea delle asso­ci­azioni orga­niz­za­ta dal Comune.«È sem­pre più impor­tante trovare meto­di effi­caci per fare pro­pa­gan­da alla don­azione», fa notare. «Bisogna soprat­tut­to rius­cire a con­vin­cere che donare fa bene a se stes­si e agli altri. Fa bene allo spir­i­to per­ché si com­pie un’azione impor­tante nei con­fron­ti di chi è meno for­tu­na­to di noi, fa bene alla pro­pria salute per­ché il dona­tore è sem­pre sot­to con­trol­lo medico. Fa benis­si­mo soprat­tut­to a chi, oggi in per­centuale sem­pre cres­cente, ha bisog­no di rice­vere sangue. Insom­ma nel­la don­azione ci sono tut­ti gli ele­men­ti per sen­tir­si bravi cit­ta­di­ni, impeg­nati nel­la vita sociale con grande sen­so civi­co», commenta.Anche quest’anno l’Avis comu­nale ha trova­to questo sis­tema «molto sod­dis­facente» per sen­si­bi­liz­zare alla don­azione. «Ogni anno dis­tribuiamo gra­tuita­mente oltre 35 mila bic­chieri di plas­ti­ca a tutte le asso­ci­azioni, i grup­pi e i comi­tati che lo richiedono per poi uti­liz­zar­lo durante le feste e le sagre locali. Fac­ciamo gli acquisti ogni due anni», fa sapere, «ordi­nan­do ben 70 mila bic­chieri, che van­no sem­pre a ruba. Fig­uri­amo­ci com’è ampio il baci­no di uten­za coin­volto da un sem­plice bic­chiere di plas­ti­ca, che finisce in mano a moltissime per­sone. Tra queste ci sono tan­tis­si­mi gio­vani, che leg­gono il nos­tro mes­sag­gio, sen­ten­dosi auto­mati­ca­mente coin­volti in pri­ma per­sona. Anche la nos­tra Avis», aggiunge, «li usa orga­niz­zan­do gli even­ti che coin­vol­go­no molti. Come durante la scam­pag­na­ta ai “Cervi” di San Zeno, tradizionale usci­ta, quest’anno domeni­ca 31 agos­to, trentaquat­tres­i­ma fes­ta sociale di un grup­po di 200 soci e che, quest’anno, ha fat­to 331 don­azioni», ricorda.Chi desidera riti­rare il “Bic­chiere avisi­no” può riv­ol­ger­si al pres­i­dente Fran­co Comenci­ni, in Piaz­za Fer­rario, 7 (tel./fax: 045 620 0450) o al vicepres­i­dente Gian­car­lo Pachera.

Parole chiave: -

Commenti

commenti