lunedì, Luglio 22, 2024
HomeManifestazioniFiereIl Classico è sempre di moda
Sono ben trentacinque le aziende in lizza per il «Concorso» diventato estremamente selettivo

Il Classico è sempre di moda

Occhi puntati alla 57ª Fiera di Polpenazze sulla prima edizione del «Concorso Enologico Garda Classico», al quale parteciperanno 35 aziende vitivinicole, che ha modificato il regolamento precedente, più rigido che in passato e sotto lo stretto controllo del ministero delle Politiche Agricole e Forestali.È prevista per esempio una doppia “anonimizzazione” delle bottiglie in concorso, oltre ad una costante verifica sulle qualifiche dei membri delle commissioni di degustazione. Il tutto per valorizzare in modo pieno la qualità delle produzioni Garda Classico, considerata ormai a pieno titolo una delle più interessanti Doc emergenti nello scenario enoico nazionale.«Il riconoscimento ufficiale di un concorso – spiega il presidente della Fiera, Giuseppe Turrina – oltre a dare garanzie in più sulla serietà della valutazione oggettiva dei prodotti, offre anche la possibilità di ufficializzare i risultati ottenuti tramite un marchio di qualità riconosciuto dal ministero su tutto il territorio nazionale. E questo è un valore aggiunto importante per quei produttori che avranno superato l’esame delle commissioni».Nell’organizzazione del «Primo Concorso Enologico Garda Classico», il Comune di Polpenazze godrà della collaborazione del Consorzio tutela vini Garda Classico Doc, presieduto da Paolo Turina, oltre che del supporto tecnico dell’Onav, l’Organizazione Nazionale Assaggiatori Vino, fornito dalla delegazione di Brescia retta da Fabio Finazzi.Le Eccellenze enologiche del Garda Classico, come da tradizione, verranno premiate nella mattinata di domenica alle 11.15 circa presso la piazza Alpini, dopo l’inaugurazione della Fiera da parte delle autorità e la Santa Messa. In quell’occasione verranno dati anche i riconoscimenti ai produttori dell’olio extravergine del Garda dop e del Miglior Salame Nostrano. Sono invece 18 le aziende vitivinicole presenti in fiera con i tradizionali stand di mescita, dove i produttori torneranno a servire e spiegare i propri vini, che saranno posizionati nel piazzale Alpini. Torna invece nel suggestivo cortile di Casa Palazzi, nel cuore del centro storico del paese nei pressi del Municipio, la Corte degli Assaggi, l’angolo per le degustazioni comparate dei vini in concorso, mentre sempre nelle vie del centro saranno numerosi gli spazi espositivi, dedicati soprattutto ai prodotti tipici (formaggi, salumi, frutti, confetture, miele, gelati).«La Fiera di Polpenazze è un calibrato mix di tradizione ed innovazione – precisa Turrina -. Una meta sicura per chi cerca l’antica atmosfera delle sagre popolari, ma anche un punto di riferimento per chi vuole approfondire la conoscenza del territorio gardesano, dei suoi vini, dei suoi sapori. La Fiera infatti ha ormai consolidato il suo ruolo di vetrina ideale per le tante piccole aziende che costituiscono il tessuto dell’agricoltura gardesana, oltre che per i marchi più prestigiosi e conosciuti della nostra vitivinicoltura: e questo contribuisce a renderla un appuntamento irrinunciabile».

Articoli Correlati

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

In Evidenza

Dello stesso argomento

Ultime notizie

Ultimi Video