mercoledì, Luglio 24, 2024
HomeAttualitàMercato mensile? Un’ idea vincente
Tanta gente e oggetti di qualità. Controlli per verificare l’autenticità

Mercato mensile? Un’ idea vincente

Il grammofono invia nell’aria le note inconfondibili delle melodie degli anni ’20 o giù di lì mescolate ai brusii tipici dello scorrere della piccola punta su quelle rare produzioni discografiche, mentre la giovane coppia resta ferma a godersi il sole sulla scalinata che sotto l’arco porta dal piazzale della caserma d’artiglieria di Porta Verona ai Bastioni che si affacciano sull’acqua. In mezzo a suppellettili, luccichii di gioielli e oggetti e mobili più o meno preziosi ma anche agli utensili di una cucina che non c’è più, ti ritrovi a pensare che non sarebbe poi così strano se dai portoni della caserma uscissero in libera uscita militari austriaci nelle loro divise. Perché è proprio questa l’atmosfera che respiri passeggiando tra gli spazi della manifestazione di antiquariato che, per tutto il 2003, ogni prima domenica del mese riempie gli splendidi ambienti dell’imponente edificio austriaco recentemente restaurato e restituito al suo originale splendore grazie anche al finanziamento europeo Conver (unica struttura ad averne usufruito nel Veneto). E proprio il connubio tra l’ambientazione costituita dall’edificio storico e quanto viene messo in esposizione suscita grande ammirazione e interesse e gioca un ruolo determinante nel successo riscontrato dall’iniziativa che ha debuttato a dicembre. «In effetti i commenti raccolti sono stati più che positivi», spiega Claudio Zanoni, presidente della Cooperativa Beta che ha organizzato la manifestazione in collaborazione con gli stessi espositori. «Ogni domenica l’allestimento richiama un pubblico di qualità e crea un importante movimento tanto più di rilievo in questi mesi, tradizionalmente considerati morti dal punto di vista strettamente turistico; credo anche che, a favorire il successo, sia la presenza della commissione che verifica, ogni volta, l’autenticità di quanto presentato e il rispetto delle regole fissate a garanzia della manifestazione d’antiquariato e dei suoi ospiti». Gli antiquari non devono, infatti, porre in vendita cose usate con meno di 30 anni di età, prodotti nuovi, riproduzioni d’epoca e oggetti attualmente in produzione ad esclusione di francobolli, monete, medaglie ed oggetti di collezionismo diffuso. I prossimi appuntamenti con la manifestazione d’antiquariato sono: la prima domenica di ogni mese (il prossimo sarà il 2 marzo) cui si aggiungono il fine settimana di Pasqua, dal 19 al 21 aprile, lunedì 2 giugno, il periodo dal 9 al 20 agosto e sabato 1° novembre. Tutte occasioni buone e da sfruttare per avvicinarsi al lago di Garda, a Peschiera e alla sua storia attraverso oggetti che sono anche testimoni della storia di tutti; e la ricchezza dell’esposizione è in grado di offrire spunti a chiunque, dato che si può vedere e ritrovare di tutto anzi no. C’è da tanto di cartello che annuncia, in uno dei banchi, «si ritirano tutte le cose vecchie, eccetto le suocere».

Articoli Correlati

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

In Evidenza

Dello stesso argomento

Ultime notizie

Ultimi Video