lunedì, Luglio 22, 2024
HomeAttualitàRifugi antiaerei in affitto dal Demanio
Abbandonati da diversi anni, sono collocati vicino al municipio e a Villa. Sindaco convocato questa mattina a Milano, ma la risposta sarà negativa

Rifugi antiaerei in affitto dal Demanio

Imprevisti e grattacapi ai sindaci non mancano certo. E non fa eccezione neppure il primo cittadino di Gargnano, Gianfranco Scarpetta, solito impugnare la sciabola anziché il fioretto per reagire agli attacchi. E così quando si è visto recapitare una convocazione con l’invito a recarsi a Milano questa mattina alla filiale lombarda dell’Agenzia del Demanio, il granitico Scarpetta è sobbalzato sulla poltrona. Da Milano gli hanno offerto la proposta per la stipula di un contratto di affitto di due ricoveri antiaerei: uno a Gargnano, di fronte agli ambulatori e a pochissima distanza dal Municipio, e l’altro a Villa, alle spalle della Comunità Montana, vicino al Poggio degli Ulivi. Nessuna spiegazione sul motivo dell’offerta giunta da Milano e che, in Comune è stata accolta con una buona dose di scetticismo. «Quei rifugi erano utilizzati negli anni della guerra – spiega Scarpetta – dopodiché hanno costituito per qualche tempo il magazzino per qualche distributore. Da molti anni sono entrambi vuoti e inutilizzati, anche perché in quello di Gargnano si sono verificati dei crolli. Che nel 2006 vengano ad offrirci due rifugi antiaerei, a noi risulta perlomeno singolare».La proposta dell’Agenzia del Demanio è circostanziata e prevede un affitto di sei anni, a partire dal prossimo 1°luglio, per un costo di 309 euro all’anno per ciascuno dei due rifugi, da pagare con rate annuali anticipate.«Stanno raschiando il fondo del barile – prosegue il sindaco – ma c’è un limite a tutto. Quegli spazi sono sotterranei, a forma di U. Si affacciano direttamente sulla strada statale e necessitano, casomai, di un intervento di messa in sicurezza. Inoltre, mai in passato risulta che il Comune abbia percepito canoni di affitto e neppure che ne abbia pagati. Per cui non riusciamo a capire la motivazione della richiesta».Scarpetta fa presente che, per la verità, c’è un altro rifugio antiaereo che si trova a Bogliaco a poca distanza dal panificio e che non rientra nella proposta dell’Agenzia. «Quegli spazi sono diventati sporchi e insicuri, dove trovano riparo solo i topi. Ci andavano a giocare i bambini fino a qualche decina di anni orsono, ma adesso gli ingressi sono sbarrati. Quello di Gargnano si snoda sotto terra per almeno una settantina di metri». Di dimensioni simili è anche il ricovero antiaereo di Villa, il cui cancelletto è bene visibile a chi transita sulla Gardesana. Entrambi si allungano nella montagna per poi disegnare un angolo retto a destra, proseguire il loro cammino nel buio e, dopo un’altra curva a 90°, dirigersi verso l’uscita, che è situata a una ventina di metri dall’entrata.Alla richiesta milanese, il Comune ha risposto che non nutre alcun interesse per l’affitto dei due ricoveri antiaerei. Pertanto, questa mattina non verrà stipulato alcun contratto.

Articoli Correlati

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

In Evidenza

Dello stesso argomento

Ultime notizie

Ultimi Video