I capifamiglia si sono riuniti; andranno in municipio a far valere le proprie ragioni con la giunta

A Massone si senton dimenticati

10/07/2000 in Avvenimenti
Di Luca Delpozzo
cad

Mem­o­ri del noto det­to: «l’u­nione fa la forza», gli abi­tan­ti di Mas­sone si sono riu­ni­ti per risol­vere gli imman­ca­bili prob­le­mi del­la frazione. In un’af­fol­la­ta assem­blea han­no prepara­to un lun­go elen­co di richi­este, talune in lista da atte­sa da sem­pre, che han­no poi gira­to a Mario Caproni, il loro rap­p­re­sen­tante in con­siglio comu­nale. A giorni si tro­ver­an­no i res­i­den­ti del­la vic­i­na S.Martino.A smuo­vere la gente è la man­can­za degli atte­si comi­tati di parte­ci­pazione, una foto­copia degli organ­is­mi di quartiere del pas­sato, che insp­ie­ga­bil­mente l’am­min­is­trazione comu­nale fa slittare nel tem­po. «Risul­ta­ta pal­pa­bile l’e­si­gen­za del­la popo­lazione di dialog­a­re con gli ammin­is­tra­tori comu­nali — com­men­ta Mario Caproni — la dice lun­ga la pre­sen­za alla ser­a­ta di una ses­san­ti­na di per­sone, in gran parte capi­famiglia, che qua­si tutte sono inter­venute nel ser­ra­to dibat­ti­to. Si trat­ta di un’af­fluen­za notev­ole, con­sid­er­a­to che da molto tem­po non avveni­vano sim­ili riu­nioni popo­lari. La lista delle richi­este di inter­esse gen­erale pre­sen­ta­ta dai miei com­pae­sani è assai con­sis­tente. Spazia dal­la agli imman­ca­bili prob­le­mi dei parcheg­gi, dalle caren­ze di strut­ture sociali al com­ple­ta­men­to di opere pub­bliche minori. Si trat­ta, dunque, di un insieme di esi­gen­ze, nul­la di eccezionale, ma da risol­vere al più presto, che sca­tur­iscono dal­la quo­tid­i­an­ità di una comu­nità sep­pur pic­co­la, ma assai atti­va, come quel­la di Mas­sone». Tra i molti temi prospet­tati a Mario Caproni, l’im­peg­no di con­ser­vare la trenti­na di posti macchi­na recen­te­mente rica­vati nel­la piaz­za prin­ci­pale e che final­mente han­no deco­gen­stion­a­to l’an­gus­to cen­tro stori­co. Vi è poi l’ur­gen­za di un par­co giochi nel gia­rdi­no del­la scuo­la ele­mentare e del poten­zi­a­men­to del­l’area verde del­l’asi­lo. Da elim­inare la peri­colosità del fre­quen­ta­to attra­ver­sa­men­to del­la statale all’al­tez­za del comven­to dei cap­puc­ci­ni. Gli agri­coltori recla­mano nel­l’o­li­va­ia la rego­la­men­tazione del dis­or­di­na­to acces­so all’af­fol­la­ta parete di roc­cia. Con­stata­to il suc­ces­so del­l’inizia­ti­va di Mas­sone, a breve si riu­ni­ran­no gli abi­tan­ti delle vicine frazioni di S.Martino e Moletta.