Al Centro sociale ce ne sono già nove. Prg: tre nuove aree di edilizia economica, per 80 abitazioni

Anziani: si faranno altri sette minialloggi

14/04/2004 in Attualità
Parole chiave: -
Di Luca Delpozzo
Sergio Zanca

Dopo la real­iz­zazione dei nove mini allog­gi pro­tet­ti, nel­l’area adi­a­cente al cen­tro sociale, il sin­da­co di Toscolano Mader­no (Pao­lo Ele­na) e l’asses­sore ai (Mar­cel­lo Beschi, ex pres­i­dente del­la locale squadra di cal­cio) si sono impeg­nati a costru­irne altri sette, ris­er­vati ad anziani ultra65enni e inva­li­di. I lavori dovreb­bero iniziare nel mese di set­tem­bre. Questo è uno dei pun­ti prin­ci­pali del­l’ac­cor­do siglato con le orga­niz­zazioni sin­da­cali, rap­p­re­sen­tate da Pietro Moran­di­ni (Uil), Mario Oliari, Fabio Zuradel­li, Pier­lui­gi Pasi­ni (Cisl), Gio­van­ni Delai, Lui­gi Treven­zuoli (Cgil), e illus­tra­to nel­l’ul­ti­ma riu­nione del con­siglio comu­nale. I lavori del pri­mo lot­to (appar­ta­men­ti­ni con una super­fi­cie utile di 46 metri quadri) era­no sta­ti ulti­mati l’an­no scor­so dal­l’im­pre­sa edile «Fratel­li Ercu­liani» di Gar­done Riv­iera, che ave­va fir­ma­to un con­trat­to di 363 mila euro. Con­sideran­do anche i ser­ra­men­ti, le opere elet­triche, idrauliche, ecc., il cos­to com­p­lessi­vo si è aggi­ra­to sui 517mila euro. Prog­et­to esec­u­ti­vo del­l’ingeg­n­er Luciano Zanel­li, respon­s­abile del­l’Uf­fi­cio tec­ni­co, e degli architet­ti V.Vitali & P.Brianza. «Noi con­tinuiamo a garan­tire una vas­ta arti­co­lazione dei servizi — spie­ga Beschi — soste­nen­do pri­or­i­tari­a­mente i sogget­ti non auto­suf­fi­ci­en­ti e i nuclei famil­iari che assistono gli anziani a domi­cilio, assi­cu­ran­do il tele­soc­cor­so, la con­seg­na dei pasti a domi­cilio, il dis­bri­go di pratiche buro­cratiche e pic­cole com­mis­sioni, ecc. Così, ad esem­pio, diamo un con­trib­u­to sul canone di affit­to real­mente cor­rispos­to e sulle spese doc­u­men­tate (gas, cor­rente elet­tri­ca, acqua, tar­if­fa rifiu­ti), in modo da rag­giun­gere il min­i­mo vitale». Altri pun­ti. Al cen­tro sociale, dove gli anziani trascor­rono le ore libere (chi gio­ca a carte, chi fre­quen­ta i cor­si di gin­nas­ti­ca e di riabil­i­tazione, chi il bar), pros­egue la ges­tione del­la coop­er­a­ti­va «Donne», che ha rin­no­va­to il diret­ti­vo. La strut­tura ospi­ta l’am­bu­la­to­rio, il cen­tro pre­lievi, la palestra, lo spazio per l’uf­fi­ciale san­i­tario (guardia med­ica, servizio diag­nos­ti­co), le attiv­ità di carat­tere sociale, le assem­blee sin­da­cali riguardan­ti i pen­sion­ati. Pur essendo già sta­ta parzial­mente risis­tem­a­ta, la strut­tura sente il peso degli anni e ha bisog­no di un restau­ro con­sis­tente, pro­gram­ma­to per il 2005. Nel­la nuo­va sala polifun­zionale di Macli­no sono pre­sen­ti i medici di base, una vol­ta alla set­ti­mana. Per quan­to riguar­da i tick­ets san­i­tari, viene rim­bor­sa­ta l’in­tera spe­sa sostenu­ta dal 1 gen­naio al 31 dicem­bre, con una franchi­gia annuale di 25 euro. Per le med­i­cine bisogna pre­sentare la foto­copia del­la ricetta, tim­bra­ta dal­la far­ma­cia, con rel­a­ti­va fustel­la e scon­tri­no di cas­sa; per la diag­nos­ti­ca e le vis­ite spe­cial­is­tiche, la rice­vu­ta fis­cale com­pro­vante l’ef­fet­ti­vo paga­men­to. La posizione eco­nom­i­ca da con­sid­er­are è quel­la del­la famiglia, sec­on­do i cri­teri sta­bil­i­ti per il cal­co­lo Isee (soglia di acces­so: 8.500 euro per un nucleo com­pos­to da una sola per­sona, 13.345 euro se sono due, ecc.). Nel nuo­vo Piano rego­la­tore sono state inserite tre aree ris­er­vate all’edilizia eco­nom­i­ca con­ven­zion­a­ta (due a Gaino e una a Mader­no), per un totale di 80 abitazioni, da des­tinare a res­i­den­ti che non possiedono la pri­ma casa. L’aliquo­ta Ici res­ta al 4 per mille. Si val­uterà la pos­si­bil­ità di portare la detrazione da 160 a 170 euro. Con l’aiu­to dei vig­ili urbani e dei , ver­ran­no poten­ziati i con­trol­li per la ver­i­fi­ca sul­lo sta­to effet­ti­vo di res­i­den­za, allo scopo di indi­vid­uare quan­ti abi­tano altrove, ma pre­sen­tano false dichiarazioni, soste­nen­do di vivere sul lago. Nelle frazioni non metaniz­zate i con­suma­tori godono del­la riduzione di 0,12 euro al litro sul prez­zo del gaso­lio e di 0,19 al Kg. sul Gpl usato per il riscal­da­men­to. Il Comune ha già atti­va­to un servizio di con­seg­na a domi­cilio dei cer­ti­fi­cati a favore degli ultra65enni e dei dis­abili. Chi uti­liz­za le badan­ti per l’as­sis­ten­za a domi­cilio degli anziani non auto­suf­fi­ci­en­ti è sta­to invi­ta­to a effet­tuare la seg­nalazione in munici­pio: l’o­bi­et­ti­vo è di creare un fon­do a sostegno.

Parole chiave: -