La 50ª edizione della «Centomiglia del Garda»

Benamati si è concesso il tris

Di Luca Delpozzo
Luca Belligoli

Rober­to Bena­mati ha fir­ma­to per la terza vol­ta l’al­bo d’oro del­la « del Gar­da». Ques­ta vol­ta il cam­pi­one di Mal­ce­sine ha con­dot­to alla vit­to­ria «Principes­sa», il Max­ilib­era del­l’ar­ma­tore Joschi Ent­ner. È sta­ta den­sa di colpi di sce­na quest’edi­zione del­la «mara­tona» del Gar­da che ha com­pi­u­to cinquan­t’an­ni. Subito dopo lo start è scat­ta­ta in tes­ta «Zeta Line», che ha schier­a­to a fian­co del­lo skip­per desen­zanese Oscar Tono­li il tor­re­sano Clau­dio Cic­cio Celon, segui­ta da «Principes­sa» e «Raf­fi­ca» di Luca Vale­rio. Nel bor­do d’avvic­i­na­men­to a Sirmione, all’al­tez­za del­la , è esploso il gen­naker di «Principes­sa», per­al­tro pronta­mente sos­ti­tu­ito. Le tre imbar­cazioni bat­tistra­da han­no con­tin­u­a­to a con­trol­lar­si da vici­no, bor­deg­gian­do a ridos­so del­la spon­da bres­ciana, men­tre il fres­co Pel­er con­tin­u­a­va a calare d’in­ten­sità fino a trasfor­mar­si in bonac­cia pro­prio davan­ti alla boa di Sirmione. «Zeta Line», «Raf­fi­ca» e «Principes­sa», dis­tanzi­ate di pochissi­mo, tran­si­tano al pas­sag­gio posizion­a­to davan­ti alle . Anche alla boa di Desen­zano è pri­mo «Zeta Line», sul quale ha bril­la­to la pre­sen­za del­lo scaligero Manuel Mod­e­na, con «Raf­fi­ca» e «Principes­sa» a mar­car­si a vicen­da. Pochi minu­ti dopo Bena­mati ha com­pi­u­to il pri­mo cap­ola­voro del­la gior­na­ta: gra­zie a una geniale intu­izione riesce a sfruttare al meglio le insidiose ari­ette del Bas­so lago e sfi­la sopraven­to a «Zeta Line» e a «Raf­fi­ca». Un esiguo ma prezio­sis­si­mo van­tag­gio che è servi­to a «Principes­sa» per uscire per pri­mo dal­l’in­tri­ca­ta situ­azione nel­la quale si sono impan­ta­nati qua­si tut­ti gli oltre 300 scafi in gara. Lo splen­di­do asso­lo di «Principes­sa» si con­cretiz­za al pas­sag­gio di Bogli­a­co, dove pas­sa con tre minu­ti e trenta su «Zeta Line» e sei su «Raf­fi­ca». Nel­l’Al­to lago Bena­mati e i suoi met­tono altro fieno in casci­na e doppi­ano la boa di Limone con cinque minu­ti e quar­antac­inque sec­on­di su «Zeta Line» men­tre «Raf­fi­ca» è ter­zo per un sof­fio. «Principes­sa» è pri­ma anche a Mal­ce­sine e incre­men­ta anco­ra il van­tag­gio che al pas­sag­gio di Acquafres­ca di Bren­zone, è lievi­ta­to fino ai sette minu­ti. Poi l’avaris­si­mo Eolo ha cer­ca­to di rimesco­lare le carte rega­lan­do solo deboli refoli. Ad avvan­tag­gia­rsene però e solo «Raf­fi­ca», che riesce a super­are «Zeta Line», men­tre «Principes­sa» è già in por­to da qua­si un quar­to d’o­ra. «L’e­quipag­gio è sta­to fan­tas­ti­co — ha det­to Bena­mati — siamo rius­ci­ti a rego­lare per­fet­ta­mente la bar­ca. Sono sod­dis­fat­to anche per­ché Principes­sa non può che miglio­rare, e sta­to un gran lavoro di squadra».