Fra le novità la carta di credito per i turisti

Chiude la rassegna internazionale di Riva

13/10/2002 in Avvenimenti
Di Luca Delpozzo
Riva del Garda

Si con­cludono al Palafiere di Riva la 39ª edi­zione di «Ttg Incon­tri» e il «Tti work­shop del tur­is­mo incom­ing», alla sec­on­da edi­zione, per la pri­ma vol­ta approda­to nel­la cit­tad­i­na altog­a­rde­sana. Si trat­ta di un appun­ta­men­to di rilie­vo, che ha rischiam­a­to oltre 10.000 addet­ti del set­tore tur­is­ti­co e 230 tour oper­a­tor, prove­ni­en­ti da 33 Pae­si del mon­do (Cina com­pre­sa), inter­es­sati alle offerte ital­iane. Impo­nente anche il numero delle aziende pre­sen­ti, un migli­aio, con 635 espos­i­tori. L’inizia­ti­va è patro­ci­na­ta dall’Enit, col sosteg­no dell’Apt Trenti­no. Sono pre­sen­ti anche realtà bres­ciane, come l’A­gen­zia Ter­ri­to­ri­ale Riv­iera dei Limoni. Fra le novità in vet­ri­na alla rasseg­na di Riva spic­ca «Solea­da», la pri­ma car­ta di cred­i­to mul­ti­ser­vice ded­i­ca­ta ai viag­gi, disponi­bile nelle 130 agen­zie affil­i­ate «Viag­gia­re Nav­i­gan­do». L’in­no­v­a­ti­vo stru­men­to, real­iz­za­to in col­lab­o­razione con Clari­ma, ban­ca del grup­po Uni­cred­i­to, dà ad ogni viag­gia­tore il potere di uti­liz­zare oltre le modal­ità di paga­men­to con­suete di una car­ta di cred­i­to, una serie di servizi pen­sati per chi viag­gia. «Solea­da» pre­sen­ta due «borselli­ni» dis­tin­ti: il pri­mo fun­ziona come una nor­male car­ta di cred­i­to uti­liz­z­abile in tut­ti i cir­cuiti Mas­ter­card, il sec­on­do, con un mas­si­male più ele­va­to pari a 4.000 euro, è ded­i­ca­to esclu­si­va­mente ai viag­gi acquis­ta­ti nelle agen­zie «Viag­gia­re Nav­i­gan­do» e pre­sen­ta alcune carat­ter­is­tiche uniche: la scelta se pagare in uni­ca soluzione o a rate, un’as­si­cu­razione inte­gra­ti­va gra­tui­ta, la pos­si­bil­ità di usar­la come car­ta tele­fon­i­ca in oltre 80 pae­si, nes­suna com­mis­sione sul­l’ac­quis­to di car­bu­ran­ti e acces­so a servizi di noleg­gio auto a con­dizioni ris­er­vate. Infine, l’opportunità di pre­lie­vo con com­mis­sione fis­sa di 2,50 euro anche per i pae­si extra Ume.