- Spiaggia naturista

E la baia desnuda continua a piacere

30/08/2003 in Attualità
Parole chiave:
Di Luca Delpozzo

È fra Gar­da e Tor­ri una delle due spi­aggette natur­iste del . Qui si dan­no appun­ta­men­to i bag­nan­ti che amano pren­dere il sole sen­za cos­tume. Prat­i­ca dif­fusa in Nord Europa, ma anco­ra piut­tosto rara dalle nos­tre par­ti. «Stan­no appar­tati, dal­la stra­da non si vedono nem­meno, nes­suna lamentela è arriva­ta al nos­tro coman­do», spie­ga il mares­cial­lo De Luca dei di Tor­ri del Bena­co. La spi­ag­gia è vis­i­bile solo dal lago, dal bat­tel­lo che costeggia la riva. E com­pare anche su numerosi siti Inter­net che elen­cano le local­ità dove è dif­fusa la prat­i­ca del natur­is­mo in Italia. Accedere a ques­ta local­ità, sit­u­a­ta in prossim­ità di Bran­col­i­no, non è facile. Occorre calar­si attra­ver­so roc­ce spi­oven­ti e fitte ster­paglie. La rada com­pare all’improvviso, dopo peri­colosi equi­lib­ris­mi, sit­u­a­ta pro­prio al di sot­to di due ville otto­cen­tesche. I «tes­sili», così ven­gono chia­mati dai nud­isti col­oro che infi­lano il cos­tume, non sono gra­di­ti in ques­ta local­ità. Per scor­ag­gia­re i curiosi il cam­mi­no è osta­co­la­to da recinzioni improvvisate e coc­ci di vetro.

Parole chiave: