Da non perdere. Manifestazioni per tutti i gusti: florovivaismo di qualità a Bogliaco e Castellaro Lagusello, il mondo equestre a Travagliato e un grande parco giochi a Montichiari. «Giardino di Delizia» e Festa dei fiori: piante e cultura

Garda, fine settimana verde

Di Luca Delpozzo
Lago di Garda

Due appun­ta­men­ti floro­vi­vais­ti­ci di grande inter­esse nel fine set­ti­mana garde­sano. Ques­ta mat­ti­na aprono i bat­ten­ti «Il gia­rdi­no di Delizia» a Bogli­a­co e la Fes­ta dei fiori a Castel­laro Lagusel­lo. Quel­la gargnanese è una mostra mer­ca­to di piante e fiori che tro­va deg­na cor­ni­cie nel gia­rdi­no all’i­tal­iana di fronte a Palaz­zo Bet­toni, lun­go la statale «Garde­sana», tra Bogli­a­co e Vil­la. La rasseg­na sarà vis­itabile fino al 28 aprile con orario di ingres­so dalle 10 alle 19, ad esclu­sione di saba­to 27 aprile, gior­na­ta nel­la quale i can­cel­li rester­an­no aper­ti fino alle 22. La man­i­fes­tazione è dovu­ta all’im­peg­no e all’in­ter­esse del (Fon­do per l’Am­bi­ente Ital­iano, del­egazione di Bres­cia e del Gar­da), Adsi (Asso­ci­azione Dimore Storiche Ital­iane), Gar­den Club Bres­cia, Dot­tori Agrono­mi e Fore­stali del­la Provin­cia di Bres­cia, Comune di Gargnano, Provin­cia di Bres­cia, Comu­nità Par­co del­l’Al­to Gar­da. L’in­gres­so sarà gra­tu­ito per i bam­bi­ni fino a 6 anni e per gli ader­en­ti al Fai. Per gli altri, il bigli­et­to costerà 5 euro (ragazzi tra i 6 ed i 14 anni 3 euro). Da seg­nalare le alle architet­ture del gia­rdi­no prospet­ti­co e delle annesse limon­aie, che si suc­ced­er­an­no ogni giorno tra le 10.30 e le 18, a cura del Fai: per molti sarà l’oc­ca­sione per conoscere i sis­te­mi di colti­vazione degli agru­mi nelle limon­aie. Tra le sezioni in cui si divide la mostra tro­vi­amo quel­la ded­i­ca­ta a piante da fiore, piante da frut­to, piante aro­matiche e piante ver­di orna­men­tali. A con­ferire ulte­ri­ore impor­tan­za alla man­i­fes­tazione saran­no anche gli espos­i­tori, tra i mag­giori pro­dut­tori ital­iani di agru­mi, olivi, rose, peonie. Un suc­ces­so annun­ci­a­to, se si ricor­da il grande pub­bli­co che ha grat­i­fi­ca­to gli orga­niz­za­tori lo scor­so anno, con un migli­aio di vis­i­ta­tori nel­la gior­na­ta inau­gu­rale: numero notevol­mente incre­men­ta­to nei giorni suc­ces­sivi. Ave­va dichiara­to lo scor­so anno Gio­van­ni Tortel­li, l’ar­chitet­to che curò l’e­s­po­sizione: «Non ci allargher­e­mo oltre, per­ché non inter­es­sa la quan­tità, ma la qual­ità. Questo non diven­terà mai un mer­ca­to, ma uno spazio espos­i­ti­vo di val­ore. Qui non ver­ran­no invi­tati i com­mer­cianti, ma i pro­dut­tori spe­cial­iz­za­ti, che allargano la loro atten­zione dalle piante ai fiori, dalle antiche essen­ze alle spezie». Per altre infor­mazioni tele­fonare ai numeri 0303772521, 036520347 o 0365641330. Da oggi al 1 mag­gio a Castel­laro, nell’entroterra del bas­so lago, va invece in sce­na l’undicesima edi­zione del­la Fes­ta dei fiori, pro­mossa dall’associazione cul­tur­ale «Ami­ci di Castel­laro». Alle 9.30 nel­la Corte Uccel­lan­da si inau­gu­ra la mostra fotografi­ca di Cesare Salan­di­ni «Mosaico di natu­ra, flo­ra e fau­na delle ». Seguirà una tavola roton­da. La fes­ta pro­pone nat­u­ral­mente piante e fiori, esposti in un con­testo spe­ciale quale è appun­to l’antico bor­go, accom­pa­g­nati da quadri, ceramiche, bon­sai, miele, vetri, erbari, curiosità. Una mostra molto suggestiva.