La Pro loco chiude le iniziative natalizie con un concerto

Gli incantesimi del Danubio Blu si ripetono per una sera sul Mincio

Parole chiave:
Di Luca Delpozzo
Fiorenza Gallina

Per una ser­a­ta il teatro Smer­al­do di Valeg­gio si trasformerà nel famoso Musikvere­in di Vien­na. O meglio nel­la cele­ber­ri­ma “sala d’oro” del­la Staat­sop­er dal­la quale i Wiener Phil­har­moniker trasmet­tono in mon­dovi­sione il loro con­cer­to di . A Valeg­gio la musi­ca di Strauss arriverà la sera del­la Befana, alle 21 , a con­clu­sione delle man­i­fes­tazioni natal­izie orga­niz­zate dal­la Pro loco in col­lab­o­razione con l’asses­so­ra­to alla cul­tura. «Sarà un con­cer­to che ripro­por­rà le sug­ges­tioni asbur­giche di quel­lo vien­nese», spie­ga Fiorel­la Anto­nioli, pres­i­dente del­l’as­so­ci­azione Amadeus che da anni orga­niz­za con­cer­ti di musi­ca clas­si­ca, e socia del­la Pro loco. «L’orches­tra che si esi­birà è la “Fran­co Fac­cio” com­pos­ta da una quar­an­ti­na di ele­men­ti, qua­si tut­ti di Verona, e diret­ta da Nico­la Gueri­ni. Per la ser­a­ta ci saran­no però, come ospi­ti, anche musicisti stranieri. La spal­la dei vio­li­ni proviene dal­l’orches­tra di San Pietrobur­go». Le musiche in pro­gram­ma sono le più famose del reper­to­rio del com­pos­i­tore aus­tri­a­co. «Non mancherà il famo­sis­si­mo Danu­bio Blu», con­tin­ua a spie­gare Fiorel­la Anto­nioli, «ma saran­no pro­posti tut­ti i valz­er e le polke più conosciu­ti. E per rispettare in pieno la tradizione vien­nese, fra il diret­tore e gli orches­trali ci saran­no anche le famose gag che vedi­amo ogni anno nel con­cer­to di capo­dan­no». La scelta del­la sera del­la Befana è sta­ta fat­ta con uno scopo ben pre­ciso. «Vogliamo chi­ud­ere con un grande spet­ta­co­lo le man­i­fes­tazioni natal­izie», chiarisce Fiorel­la Anto­nioli, «che era­no iniziate ai pri­mi di dicem­bre con gli ‘Aper­i­tivi in musi­ca’, era­no pros­e­gui­te con la man­i­fes­tazione in piaz­za “Sipario medievale” e poi con il con­cer­to di inni sac­ri, in chiesa, il 30 dicem­bre». Ma anche per l’an­no che inizia Fiorel­la Anto­nioli promette, a nome del­la Pro loco, inter­es­san­ti inizia­tive. Una per tutte: il 10 di feb­braio sarà pro­pos­to in antepri­ma lo spet­ta­co­lo “Potesse nascere un giorno una rosa” ded­i­ca­to a Fab­rizio De Andrè, con 12 musicisti, bal­leri­ni e core­ografi che met­ter­an­no in sce­na i più bei pezzi del can­tau­tore gen­ovese. Fioren­za Gallina

Parole chiave: