Domenica 10 dicembre alle ore 20.30 si terrà presso la Chiesa di S. Bartolomeo a Vesio di Tremosine un concerto molto interessante della Rassegna GLI ORGANI STORICI DELLA LOMBARDIA

Gli organi del Doge. Organista Francesco Bravo

06/12/2000 in Manifestazioni
Di Luca Delpozzo

Domeni­ca 10 dicem­bre alle ore 20.30 si ter­rà pres­so la Chiesa di S. Bar­tolomeo a Vesio di Tremo­sine un con­cer­to molto inter­es­sante del­la Rasseg­na GLI ORGANI STORICI DELLA LOMBARDIA. La Rasseg­na è parte del­la pro­gram­mazione del Fes­ti­val Lom­bar­dia Europa Musi­ca, pro­mosso dall’Assessorato alle Cul­ture, Iden­tità e Autonomie del­la , con il con­trib­u­to del Min­is­tero per i Beni e le Attiv­ità Cul­tur­ali / Dipar­ti­men­to del­lo Spet­ta­co­lo, con il patrocinio del Con­siglio d’Europa e dell’Istituto Europeo degli Itin­er­ari Cul­tur­ali, e orga­niz­za­to dal Comi­ta­to Lom­bar­dia Europa Musi­ca 2000.Il con­cer­to è pro­mosso dal Comune di Tremo­sine in col­lab­o­razione con la Civi­ca e con la Par­roc­chia di S. Bar­tolomeo di Vesio di Tremosine.Protagonista del con­cer­to l’organista FRANCESCO BRAVO. Il pro­gram­ma, pre­sen­ta­to sull’organo del 1768, è un orig­i­nale excur­sus nel­la musi­ca per organo a Venezia, tra Cinque­cen­to e Set­te­cen­to. Venezia rap­p­re­sen­ta nel­la sto­ria del­la musi­ca stru­men­tale un impor­tante pun­to di rifer­i­men­to, con le sue chiese spes­so dotate di due organi e la tradizione di affi­an­care alle voci gli stru­men­ti, per arric­chire musi­cal­mente il servizio liturgico.Tra gli organ­isti che si avvi­cen­darono ai pres­ti­giosi stru­men­ti di San Mar­co, di S. Maria Glo­riosa dei Frari e di altre chiese veneziane, molti pro­dussero i pri­mi impor­tan­ti esem­pi di musi­ca stru­men­tale autono­ma, stac­ca­ta dal dis­cor­so vocale. E’ il caso di Gio­van­ni Pic­chi, di cui ven­gono ese­gui­ti una “Tode­scha” e il “Bal­lo dit­to Il Pichi”. La stes­sa car­ri­era di organ­isti e maestri di cap­pel­la toc­cò ai due Gabrieli, Andrea e Gio­van­ni, anch’essi pre­sen­ti nel pro­gram­ma di Francesco Bravo.Un impor­tante operi­sta fu invece Francesco Cav­al­li, di cui viene pre­sen­ta­ta una “Can­zona a quat­tro”. Nel Set­te­cen­to, molti con­cer­ti stru­men­tali di gran­di maestri veneziani come Vival­di e Albi­noni furono trascrit­ti per organo da com­pos­i­tori tedeschi. Ascolter­e­mo così il Con­cer­to n.5 op.2 di Albi­noni e il Con­cer­to n. 5 op. 1 di Gior­gio Gen­tili nell’adattamento organ­is­ti­co di Walther, e il Con­cer­to n.9 op.3 di Vival­di nel­la trascrizione di Johann Sebas­t­ian Bach. Com­ple­ta il pro­gram­ma una Sonata di Benedet­to Marcello.Lo stru­men­to del­la Chiesa di S. Bar­tolomeo, un Cal­li­do del 1768, è sta­to restau­ra­to nel 1988 dal­la Casa Orga­naria Vin­cen­zo Mas­cioni di Cuvio (Varese).Francesco BravoTre­vi­giano, nato nel 1964, si è diplo­ma­to con il mas­si­mo dei voti in organo e com­po­sizione organ­is­ti­ca al di Venezia, sot­to la gui­da di Elsa Bol­zonel­lo Zoja, e, sem­pre a pieni voti, in clav­icem­ba­lo con Patrizia Marisal­di, pres­so il Con­ser­va­to­rio di Castel­fran­co Vene­to. Si è per­fezion­a­to con Lui­gi Fer­di­nan­do Tagli­avi­ni e Har­ald Vogel (pres­so l’Accademia di Musi­ca Ital­iana per Organo di Pis­toia), con Marie-Claire Alain, Michael Rad­ules­cu, Montser­rat Tor­rent Ser­ra, Daniel Roth, Jes­per Chris­tensen e, per il clav­icem­ba­lo, con Emil­ia Fadi­ni e Ton Koop­man. Vinci­tore di con­cor­si nazion­ali e inter­nazion­ali, svolge attiv­ità con­cer­tis­ti­ca in Italia e all’estero. Ha effet­tua­to reg­is­trazioni per la Radio del­la Svizzera Ital­iana e per la casa discografi­ca Phoenix. In qual­ità di Ispet­tore Ono­rario del Min­is­tero dei Beni Cul­tur­ali opera atti­va­mente per il restau­ro degli organi stori­ci ed è mem­bro del­la Com­mis­sione per la Tutela degli Organi Stori­ci pres­so la Soprint­en­den­za per i Beni Ambi­en­tali ed Architet­toni­ci di , del­e­ga­ta per il Vene­to. E’ organ­ista tito­lare dell’organo set­te­cen­tesco del­la chiesa di S.Andrea in Riva di Treviso.Ingresso libero