Da quest’estate piani per migliorare la raccolta e diminuire l’uso di elettricità e acqua. Il manifesto di qualità coinvolgerà gli ospiti

Il campeggio si fa più ecologico

Parole chiave:
Di Luca Delpozzo

Svilup­pare un tur­is­mo eco­com­pat­i­bile per offrire i più ele­vati servizi nel totale rispet­to dell’ambiente. È questo l’indirizzo assun­to da una dozzi­na di campeg­gi oper­an­ti sul­la riv­iera veronese del Gar­da, alla ricer­ca del­la più idonea polit­i­ca ambi­en­tale, pas­s­apor­to per la cer­ti­fi­cazione di qual­ità Iso 14001. Si trat­ta di un ambizioso pro­gram­ma con obi­et­ti­vo la qual­ità, avvi­a­to lo scor­so anno dell’Assogarda camp­ing in col­lab­o­razione con gli asses­so­rati all’ecologia e al tur­is­mo del­la Provin­cia. Affi­da­ta ai tec­ni­ci del­la soci­età padovana Sogesca, l’operazione ha com­ple­ta­to la del­lo sta­to ambi­en­tale delle aziende ricettive inter­es­sate e ha evi­den­zi­a­to le aree di miglio­ra­men­to da pren­dere in con­sid­er­azione nell’ambito del prog­et­to. Esple­ta­ta l’analisi dei pun­ti di forza e debolez­za dei campeg­gi è quin­di par­ti­to, in questi giorni, il coor­di­na­men­to degli impren­di­tori per definire la polit­i­ca ambi­en­tale da svilup­pare anche attra­ver­so il coin­vol­gi­men­to dei clienti.

Parole chiave: