Fossa (Sea) «Anche noi soci di Montichiari»

L’aeroporto fa gola

25/11/2000 in Avvenimenti
Parole chiave:
Di Luca Delpozzo

Alla Sea di piace l’idea di diventare azion­ista del­lo sca­lo di Mon­tichiari. Un inter­es­sa­men­to, per la ver­ità non nuo­vo, che ieri però il pres­i­dente Gian­car­lo Fos­sa ha esplic­i­ta­to. Per quan­to riguar­da le pos­si­bili acqui­sizioni del­la soci­età aero­por­tuale milanese, Fos­sa ha rib­a­di­to il pro­prio inter­esse «per tut­ti gli scali region­ali con volu­mi di traf­fi­co ril­e­van­ti». Sea è inter­es­sa­ta alla soci­età di Bres­cia-Mon­tichiari? «L’aero­por­to di Bres­cia — ha rispos­to Fos­sa — ha una con­ces­sione che è nelle mani del­lo sca­lo di Verona. Nel caso in cui il cap­i­tale del­la soci­età aero­por­tuale dovesse venire aper­to a pri­vati, sarebbe gius­to, sec­on­do me, che gli indus­tri­ali e il mon­do eco­nom­i­co bres­ciano, avessero un ruo­lo impor­tante. Se la sea dovesse entrare in ques­ta oper­azione lo farà attra­ver­so una sua parte­ci­pa­ta che è la sacbo (la soci­età che gestisce lo sca­lo di Berg­amo Orio al serio)».

Parole chiave:

Commenti

commenti